05/12/2021nuvoloso

06/12/2021sereno

07/12/2021velature lievi

05 dicembre 2021

Castelfranco

Mostra Noè Bordignon: coinvolti 16 studenti con l'alternanza scuola-lavoro

Attivata la convenzione tra il Comune di San Zenone e il Liceo artistico di Nove. Gli studenti offriranno supporto alla biglietteria, all'accoglienza e alla vigilanza delle sale.

| Leonardo Sernagiotto |

immagine dell'autore

| Leonardo Sernagiotto |

Alcune studentesse per l'alternanza scuola-lavoro presso la mostra dedicata a Noè Bordignon

SAN ZENONE DEGLI EZZELINI - È iniziata venerdì 19 novembre, e durerà un mese (fino al 19 dicembre) la collaborazione tra il Liceo artistico G. De Fabris di Nove e il Comune di San Zenone degli Ezzelini, attivata con l’intento di inserire 16 alunni dell’istituto in un progetto di alternanza scuola-lavoro all’interno dell’organizzazione della mostra dedicata al grande artista Noè Bordignon.

Lo svolgimento dell’alternanza scuola-lavoro avverrà presso la barchessa di Villa Marini Rubelli, che, insieme al Museo Casa Giorgione di Castelfranco, sta ospitando le opere di quello che è riconosciuto essere uno dei più importanti pittori veneti tra Otto e Novecento.

«Sono onorata che la dirigente scolastica abbia accolto la nostra richiesta – commenta l’assessore alla cultura, Stefania Ziliotto –. Credo sia importante lasciare spazio facendo loro assaporare direttamente il mondo dell’arte anche dal punto di vista professionale. Sono convinta che queste semplici esperienze svolte all’interno di un progetto educativo, culturale e professionale coerente con il percorso di studi, siano fondamentali per tracciare la loro strada futura e per capire l’indole di ognuno di essi. Sono felice che le adesioni siano state tante per una mostra del territorio, organizzata a aperta in un periodo tutt’altro che semplice per il mondo della cultura».

I 16 alunni del Liceo Fabris frequentanti le classi del triennio svolgeranno servizio di guardiania, accoglienza e supporto alle visite guidate il venerdì, sabato e domenica a turni alternati. Saranno guidati da un tutor interno, ovvero un docente, e da un tutor esterno, ossia un referente comunale, che hanno predisposto per ciascuno un percorso formativo e monitoreranno le attività valutando anche il raggiungimento degli obiettivi preposti.

«Creare reti di collaborazione con il territorio è un principio fondamentale per il nostro istituto – dichiara la dirigente scolastica, Anna Rita Marchetti –. Ritengo che dare la possibilità agli studenti del Liceo Artistico di interfacciarsi con il sistema organizzativo e la dimensione culturale delle mostre d’arte sia determinante per la formazione globale dei ragazzi, sia come studenti, sia come cittadini».

 


| modificato il:

foto dell'autore

Leonardo Sernagiotto

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×