25 gennaio 2020

Montebelluna

I cittadini avevano ragione: la fonderia non rispetta i parametri

La Provincia intima il rientro dei parametri fuori soglia alla fonderia Corrà

Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

immagine dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

I cittadini avevano ragione: la fonderia non rispetta i parametri

MONTEBELLUNA – Le lamentele dei cittadini erano quindi fondate. Solo dieci giorni fa ci avevano testimoniato che nonostante le prescrizioni istituzionali di miglioria degli impianti, per limitare odori, fumi e rumori non era mutato nulla: oggi è dato sapere per quale ragione.

“La ditta non è nuova a questi illeciti - commenta il presidente della Provincia di Treviso, Stefano Marcon – e già nel 2018, a seguito di una ispezione dell’ARPAV, era stata sottoposta a sanzione per superamenti relativi alle emissioni di benzene e alcune difformità gestionali dell’impianto. La Corrà aveva presentato ricorso e, proprio in questi giorni, il Tribunale di Treviso con la Sentenza 710/2019 ha rigettato il ricorso stesso”.

Nello specifico non è dato sapere quali siano i valori fuori norma ma sull’episodio il sindaco di Montebelluna, Marzio Favero, ha affermatao: “Ringrazio il direttore dell’Arpav, Rodolfo Bassan, per aver risposto alle preoccupazioni espresse dal Comune mettendo a disposizione una centralina della Regione presso la Fonderia capace di rilevare uno spettro ampio di sostanze inquinanti emesse in atmosfera. Ve n’è solo una in Veneto e questa è stata impiegata proprio qui per trattare questo caso con massimo rigore scientifico. E ringrazio la Provincia per avere provveduto, a seguito dei primi rilievi, a mandare un’immediata prescrizione per far rientrare i valori delle emissioni entro le soglie ammesse. Mi sono confrontato con il direttore dell’Arpav, Bassan, che mi ha comunicato che la campagna di rilevazione proseguirà per almeno altri tre mesi, quindi più del previsto, a cui seguirà, poi, una serie di analisi di laboratorio”.

Il primo cittadino di Montebelluna quindi conclude con una considerazione: “I cittadini e i lavoratori hanno diritto di sapere qual è la situazione reale così come gli enti pubblici, cioè Comune, Provincia e Ulss, devono essere messi nelle condizioni di intraprendere le misure necessarie per tutelare la salute sia dei cittadini residenti nell’area, sia dei lavoratori”.

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

Leggi altre notizie di Montebelluna
Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×