29 novembre 2020

Italia

Bagno di folla per il Papa a Castel Gandolfo ''Dio vuole misericordia più che i sacrifici''

|

|

Bagno di folla per il Papa a Castel Gandolfo ''Dio vuole misericordia più che i sacrifici''

ROMA - ''Dio vuole la misericordia del cuore perché lui è misericordioso''. Il 'buon Samaritano ''dimostra la misericordia di Dio verso colui che ha bisogno'' senza ''andare a condannare tutti''. Lo ha detto Papa Francesco all'Angelus celebrato oggi dal portone del Palazzo Apostolico di Castel Gandolfo, davanti a migliaia di fedeli.

Il 'buon Samaritano', protagonista del Vangelo di oggi, ''era uno qualunque che scendeva da Gerusalemme verso Gerico. Da poco, su quella strada, un uomo era stato assalito dai briganti e abbandonato mezzo morto. Prima del Samaritano passano un sacerdote e un levita, ma passano oltre senza fermarsi. Invece il Samaritano, quando vide quell'uomo, ne ebbe compassione, ne fasciò le ferite e poi lo caricò sulla sua cavalcatura e pagò un alloggio per lui. Insomma - ha aggiunto - si prese cura di lui. E' l'esempio dell'amore per il prossimo''.

I Samaritani ''erano disprezzati dai Giudei, a causa di diverse tradizioni religiose; eppure Gesù fa vedere che il cuore di quel samaritano è buono e generoso e che - a differenza del sacerdote e del levita - lui mette in pratica la volontà di Dio, che vuole la misericordia più che i sacrifici''.

Bergoglio si è soffermato anche sulla Giornata Mondiale della Gioventù di Rio de Janeiro che ''è ormai vicina. Io partirò tra otto giorni, ma molti giovani partiranno per il Brasile anche prima. Preghiamo per questo grande pellegrinaggio, il Signore guidi i passi dei partecipanti e apra il loro cuore''. ''Si vede che ci sono tanti giovani di età, ma siete giovani di cuore, complimenti!'', ha aggiunto rivolgendosi ai fedeli.

Nel corso dell'Angelus il Papa ha salutato ''con affetto'' i fedeli della diocesi di Albano, invocando su di loro ''la protezione di San Bonaventura, loro patrono, di cui domani la Chiesa celebra la festa. Che sia una bella festa. Tanti auguri, vorrei mandarvi una torta ma non so se la faranno tanto grande...'', ha aggiunto scherzando il Pontefice.

Prima dell'Angelus Bergoglio ha incontrato le autorità religiose e cittadine. ''Noi dobbiamo sempre essere segno di speranza e di pace in questo momento. Aprire le porte alla speranza, affinché la speranza vada avanti, e operare la pace, sempre!'' ha detto Francesco.

''Sono venuto qui - sono le parole del Papa, riportate sul sito della Radio Vaticana - per trascorrere una giornata di incontro con i cittadini di Castel Gandolfo, con i pellegrini e tutti i visitatori, che giustamente amano questo luogo, sono incantati dalla sua bellezza, vi trovano un momento di distensione… Ma sono venuto anche per esprimere a voi, che lavorate in queste Ville Pontificie, la mia gratitudine per la vostra preziosa opera. E con voi saluto e ringrazio le vostre famiglie, che in qualche modo partecipano del vostro servizio alla Santa Sede''.

Nel suo saluto agli amministratori di Castel Gandolfo, Papa Francesco ha poi voluto ricordare i suoi predecessori, Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, che hanno amato trascorrere parte del periodo estivo nella residenza pontificia: ''Tanti di voi hanno potuto incontrarli e accoglierli, conservandone un caro ricordo. La loro testimonianza vi sia sempre di incoraggiamento nella fedeltà quotidiana a Cristo e nel continuo sforzo per condurre una vita coerente con le esigenze del Vangelo e gli insegnamenti della Chiesa''.

Al termine l'invocazione alla Vergine Maria: ''La Madonna vegli sempre su di voi e sulle vostre famiglie! Anche voi pregate per me - ne ho bisogno - e per il mio servizio alla Chiesa. Rinnovo a ciascuno la mia gratitudine e vi benedico di cuore. Grazie!''.

Subito dopo la benedizione, il Papa ha salutato tutti personalmente ed ha visitato il Palazzo Pontificio prima della preghiera mariana dell'Angelus. Dopo l'Angelus il pranzo con i Gesuiti della Specola Vaticana prima del rientro in Vaticano.

(Adnkronos/Ign)

 


| modificato il:

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×