24/02/2024nuvoloso

25/02/2024nuvoloso

26/02/2024pioggia debole

24 febbraio 2024

Nord-Est

Compensi in nero per 430.000 euro: avvocato denunciato

L'indagine ha permesso di individuare numerose operazioni di accredito, come bonifici o versamenti di contanti e assegni, per le quali non è stata fornita alcuna giustificazione

|

|

Compensi in nero per 430.000 euro: avvocato denunciato

VICENZA - Nei giorni scorsi, i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Vicenza, hanno concluso un’attività di polizia economico-finanziaria nei confronti di un professionista con lo studio in Vicenza il quale, per gli anni d’imposta 2020 e 2021, non ha dichiarato maggiori redditi e compensi per 430.275 euro. E’ stato pertanto denunciato alla Procura della Repubblica di Vicenza per il reato di “omessa dichiarazione”, poiché per l’anno 2021 non ha presentato la prevista dichiarazione ai fini IVA, con una potenziale evasione di IVA pari a circa 60.000 euro.

L’attività ispettiva condotta dai militari della Compagnia di Arzignano, anche mediante approfondite indagini finanziarie sui conti correnti del professionista (un avvocato), ha permesso di individuare numerose operazioni di accredito, come bonifici o versamenti di contanti e assegni, per le quali non è stata fornita alcuna giustificazione, come fatture o documenti o atti utili a delineare la natura dell’operazione. Le movimentazioni finanziarie sono state quindi ritenute inerenti a prestazioni poste in essere dal professionista e non dichiarate.

La ricostruzione di un volume d’affari conseguito dall’avvocato maggiore rispetto a quanto dichiarato, ha comportato anche l’esclusione, a partire dal 2021, dal regime forfettario, una tipologia di tassazione agevolata destinata alle persone fisiche esercenti attività d’impresa, arti o professioni che permette di fruire di alcune semplificazioni fiscali e contabili.

Ciò è dovuto non solo al fatto che il professionista, per l’anno precedente aveva ricevuto compensi per 180.026 euro, ammontare nettamente superiore al limite dei 65.000 euro, soglia vigente fino al 2023 per poter beneficiare del citato regime agevolato, ma era inoltre socio di maggioranza e amministratore di una società a responsabilità limitata esercente l’attività degli studi legali e che offre tra i propri servizi anche la gestione di pratiche per la procedura di c.d. “sovraindebitamento”.

Infatti l’applicazione del regime forfettario è compatibile con l’essere socio di una SRL soltanto a determinate condizioni. Se si detengono partecipazioni di controllo in una SRL, quest’ultima deve esercitare attività estranee a quelle svolte dalla partita Iva in regime forfettario.

Decadendo dal regime agevolato, il professionista era dunque obbligato a presentare le previste dichiarazioni fiscali, omissione che gli avrebbe permesso di evadere, per l’anno 2021, un’IVA dovuta di 57.507 euro, ma che ha anche fatto scattare la denuncia penale per la violazione della normativa tributaria.


Iscriviti alla Newsletter di OggiTreviso. E' Gratis

Ogni mattina le notizie dalla tua città, dalla regione, dall'Italia e dal mondo


 

 


| modificato il:

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×