04 giugno 2020

Nord-Est

Coronavirus, Zaia: "Lavoriamo al piano per la riapertura", prorogata l'ordinanza regionale

| commenti |

| commenti |

Coronavirus, Zaia:

"Oggi è il primo giorno in cui abbiamo il dato positivo con più pazienti dimessi dei ricoverati, che sono in flessione rispetto a ieri di 7 unità". Lo ha detto il presidente del Veneto Luca Zaia, che ha spiegato che "purtroppo ciononostante sono costretto a rinnovare l'ordinanza che scade stanotte fino al 13 aprile, giorno di Pasquetta, allineandola così alla scadenza del Dpcm".

 

"Un'ordinanza che prorogherà le restrizioni con la chiusura dei supermercati e dei negozi di generi alimentari la domenica, così come il limite dei duecento metri per le passeggiate e prevede la novità dell'obbligo di utilizzo di guanti e mascherine per negozianti e clienti dei supermercati".E "chi trasgredisce - annuncia Zaia - contribuisce alla causa della lotta al coronavirus: infatti tutte le sanzioni per le violazioni all'ordinanza che ho firmato oggi e che sarà in vigore fino al 13 aprile, andranno sul conto corrente della Regione Veneto che ha appunto la causale 'lotta al coronavirus" dove le donazioni hanno superato ad oggi i 20 milioni di euro.

 

"Io spero che questa tragedia finisca, e per questo stiamo lavorando al piano di riapertura, a prescindere dai test sierologici che hanno un valore scientifico e se il progetto andrà bene potrà essere utilizzato per la 'patente' per i lavoratori, noi dobbiamo essere pronti perchè il giorno dopo si possa riaprire pur con gradualità alcune attività", ha aggiunto. "E solleciterò il governo perché si vada in questa direzione, ovviamente la riapertura dovrà essere suffragata dai dati scientifici , sarà il Comitato tecnico scientifico che dovrà dirci se dovranno essere prolungate o meno le restrizioni", ha spiegato.

 

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×