02 aprile 2020

Montebelluna

Crolla il muro del vecchio cimitero di Santa Maria in Colle

Nei giorni scorsi il muro perimetrale ha ceduto “sotto il peso dell'edera e dell'incuria”

| Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

immagine dell'autore

| Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

Muro crollato

MONTEBELLUNA - Muro crollato al vecchio cimitero di Santa Maria in Colle e a darne notizia sul web ci ha pensato il gruppo d’opposizione L’Alternativa Giusta affermando: “Parte del muro a sudovest è crollata nei giorni scorsi, sotto il peso dell'edera e dell'incuria”. La minoranza ha divulgato l’accaduto in una dichiarazione pubblica sui social relativamente al vecchio cimitero ed alla posposta del professor De Bortoli di pianare un bosco di 100 alberi nella parte nord di questo luogo per ricordare i montebellunesi illustri.

“L'interesse per il vecchio cimitero di Santa Maria in Colle, come un fiume carsico, ogni tanto riappare. È di questi giorni la proposta di Lucio De Bortoli di destinare a parco l'area a nord della celletta con la piantumazione di cento alberi a ricordo di montebellunesi illustri ed eventi importanti per la comunità. Idea subito accolta dal Sindaco, a quanto pare. Ci permettiamo alcune riflessioni: la priorità secondo noi deve essere data alla messa in sicurezza dell'area: parte del muro a sudovest è crollata nei giorni scorsi, sotto il peso dell'edera e dell'incuria”.

L’elenco delle considerazioni quindi prosegue: “Il cancello laterale è sempre aperto: non si può sistemare? La celletta è alla mercé di chiunque: una cancellata metallica, difficile da sfondare? Ogni volta che Levi Alumni fa delle manifestazioni all'interno, in Comune evidenziano problemi di sicurezza per le tombe (vuote) ancora presenti sul perimetro del cimitero; L'edera ha ricoperto ormai tutto il muro di cinta, l'unico che ospita ancora lapidi: la memoria parta dalla loro ripulitura; Le altre lapidi sono ancora lì accatastate: si portino in luogo sicuro, si restaurino, si dia loro nuova dignità”.

E ancora: “Il 26 aprile 2018 abbiamo proposto in Consiglio Comunale di destinare 150mila euro vincolati a "interventi di recupero di valori paesaggistici e aree degradate" al vecchio cimitero. Indovinate invece dove sono stati spesi? A Villa Pisani; Perché un'area sia viva, deve essere gestita. E se c'è qualcuno che ha mantenuto viva l'attenzione sul vecchio cimitero è Levi Alumni. Si dia loro in gestione l'area, anche in forma allargata alle altre realtà del territorio (Alpini, UTEM, parrocchia, associazioni ambientaliste...), in modo che le buone frequentazioni scaccino le cattive; 100 alberi fanno un bosco, una selva: l'idea è bella, il numero è indicativo, ma prima della corsa alla piantumazione facciamo un progetto partecipato di messa in sicurezza e riuso dei luoghi”.

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

Leggi altre notizie di Montebelluna
Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×