25/01/2022nubi sparse

26/01/2022nuvoloso

27/01/2022nebbia

25 gennaio 2022

Treviso

Il Libro. Chi sopravviverà tra i 18 ospiti rinchiusi misteriosamente nel “Preventorio 108”?

Un thriller del trevigiano Alfonso Rotunno ispirato dalla grande Agatha Christie e ambientato in Spagna

| Lieta Zanatta |

| Lieta Zanatta |

Lo scrittore Alfonso Rotunno

TREVISO - Cosa ci fanno 18 persone rinchiuse in un albergo balneare appena restaurato che 50 anni prima era un sanatorio per bambini? Quale occulto passato le accomuna? E chi è il misterioso personaggio che conosce così bene i loro segreti e il loro presente? Sono le domande da cui si dipana la trama di Preventorio 108 (Planet Book), l'ultimo lavoro dello scrittore Alfonso Rotunno, trevigiano che vive ad Altea sulla costa spagnola tra Alicante e Valencia, ma che scrive in italiano libri mistery e fantasy per i quali trae spunto dai paesaggi e personaggi della sua città natale. Tutto comincia da un misterioso e allettante invito per passare cinque giorni di vacanza completamente spesati. «La S.V. È invitata all'inaugurazione dell'Hotel Stabilimento Balneare il Preventorio che si terrà il 28 ottobre alle 10 a.m. Il suo nome è stato sorteggiato insieme a quello di altri fortunati che al pari di lei condividono un legame con questo storico edificio...»

E invece è solo l'inizio di un incubo che comincia con uno shock già dal secondo giorno, quando tutti gli ospiti si rendono conto di essere stati imprigionati nell'albergo, senza luce e senza cibo, dopo essere stati radunati all'interno della sala cinema ed essere stati costretti a vedere la proiezione di un inquietante filmato. «Questo hotel esiste davvero e ho dovuto fare tante e accurate ricerche in loco. Ne sono stato affascinato dopo aver letto un libro che parlava di leggende e fantasmi che popolavano quel luogo - spiega Rotunno - La simbologia del numero 108, ripetuto nel numero delle stanze, delle ore, e molto altro, invece racchiude un significato più profondo, un elenco di peccati capitali di cui si macchiano i protagonisti che vengono messi nella condizione di doverli espiare» aggiunge ancora l'autore, che ha al suo attivo una vasta produzione di libri che abbracciano il mistery, il fantasy e la letteratura per ragazzi scritti sia in spagnolo che in italiano.

 

Un giallo in salsa ispano-trevigiana che si ispira ai Dieci piccoli indiani di Agatha Christie, omaggiata da Rotunno in una citazione all'interno del libro quando i protagonisti si rendono conto di essere presi di mira uno per uno per essere uccisi in maniera crudele. Soggetti che si muovono in un un clima surreale “alla Twin Peaks”, la serie televisiva cult di David Lynch. Un giallo che sconfina con l'horror dai momenti splatter che si muove su di un'alternanza di retrospettive che motivano il collegamento esistente fra i protagonisti, e che si fa leggere con curiosità fino alla fine.

Chi è Alfonso Rotunno

A Treviso Alfonso Rotunno è nato nel 1978, si è diplomato al liceo scientifico Da Vinci e ottiene a Venezia una laurea in Conservazione dei Beni culturali ad indirizzo archeologico. Lavora nel bookshop di Palazzo Ducale e all'Accademia, dove nei momenti di attesa trae ispirazione per scrivere racconti e quelli che saranno poi i libri che pubblicherà. Complice l'Erasmus, arriva in Italia una studentessa spagnola e, grazie all'atmosfera lagunare, se ne innamora e la sposa. Poi la decisione di trasferirsi con lei nella città di Altea nella Comunità autonoma di Valencia. Qui, da curioso qual è, si interessa di sport, cinema, manga e, ovviamente, di scrittura. Si dedica alla liuteria, che ha imparato a scuola da un argentino. Ogni tanto fa una puntatina a Treviso, dove coltiva molti amici. E' facile avvistarlo sulla Restera mentre passeggia e rimugina sul prossimo libro da scrivere.

 

Alfonso Rotunno ha pubblicato:

La leggenda di Ser Raphael (Besa Editrice), finalista del Premio Carver 2006

Le nebbie di Pelolungo (Edigio), 2007

La visita (Bocados Sabrosos, Editorial ACEN), 2011

Licaone, la volpe e l'uva. (Lupus in Fabula Priuli e Verlucca), 2012

La casa. Miedo (Gli occhi di Argo), 2012

En aquel baùl (Porciones Creativa, Diversidad Literaria), 2012

Parientes (Antologia Pupilas de unicornio, Ediciones Comoarte), 2012

El dia en que Giandoménico derribó un Boeing 747 (Digitools), 2013

 


| modificato il:

Lieta Zanatta

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×