20/05/2024velature sparse

21/05/2024rovesci di pioggia

22/05/2024nubi sparse e temporali

20 maggio 2024

Treviso

SCOPPIA L'AMORE TRA IL PAPA E L'IMAM

La nuova provocazione firmata Benetton che ieri sera, dopo l'ira del Vaticano, ha fatto marcia indietro

| Stefania De Bastiani |

immagine dell'autore

| Stefania De Bastiani |

SCOPPIA L'AMORE TRA IL PAPA E L'IMAM

TREVISO - Occhi chiusi e labbra a contatto. Ieri mattina Roma e Milano sono state teatro di immagini nuove, inusuali. Sul Ponte dell’Angelo, a pochi passi dal Vaticano, un manifesto ha mostrato il Papa che baciava l’Imam. Di fronte alla Borsa è apparsa la gigantografia di un bacio tra la Merkel e Sarkozy. In Piazza Duomo è spuntata quella di Barack Obama che baciava il suo omologo cinese Hu Jiantao. E il presidente palestinese ha baciato il primo ministro israeliano.

Non è stato Cupido a darsi da fare, ma Benetton. La nuova campagna creata dal laboratorio trevigiano Fabrica ha come tema l’amore e come soggetti i leader mondiali. Si chiama Unhate e invita, come spiega Alessandro Benetton che l'ha presentata ieri a Parigi, “a combattere la cultura dell’odio”. Il vicepresidente esecutivo dell’azienda sottolinea come l’odio sia alla base di ogni male e come ogni intolleranza scaturisca dalla paura. Dal timore di ciò che non si conosce, di ciò che è diverso.

Temi ricorrenti nelle campagne Benetton, l’amore e la provocazione. Oggi, dalle foto-scandalo di Oliviero Toscani, che nel ’91 aveva immortalato il bacio della suora e del prete, si è passati alle effusioni amorose di politici da tutti conosciuti. Effusioni che oggi hanno suscitato interesse, curiosità, polemiche. Nessun dardo magico ha attraversato quindi i vertici del potere. Solo lo zampino del team creativo Benetton che, ancora una volta, ha fatto attrarre gli opposti.

«Se l’amore globale rimane una sia pur condivisibile utopia, l’invito a “non odiare”, a combattere la “cultura dell’odio”, rappresenta un obiettivo ambizioso ma realistico – spiega il vicepresidente del gruppo di Ponzano Veneto – con questa campagna abbiamo deciso di dare visibilità mondiale a un’idea alta di tolleranza, per invitare i cittadini di tutti i Paesi, in un momento storico di grandi turbamenti e non meno grandi speranze, a riflettere su come l’odio nasca soprattutto dalla “paura dell’altro” e di ciò che non si conosce». E per far questo Benetton, oltre all'aspetto pubblicitario, ha messo in piedi un vero e proprio progetto ad hoc.

L’immagine del bacio gay tra il Papa e l’Imam, però, in Vaticano non è stata presa affatto bene. «Si deve tutelare l'immagine del Papa», hanno subito tuonato dalla Santa sede. «E’ stato fatto un uso del tutto inaccettabile dell’immagine del Papa – ha rincarato la dose il portavoce vaticano, padre Lombardi – è stata manipolata e strumentalizzata nel quadro di una compagna con finalità commerciale». Di «offesa al cattolicesimo», invece, ha parlato il presidente dell’associazione telespettatori cattolici, Luca Borgomeo. «La religione non può essere offesa di questo modo», ha aggiunto il segretario dell’Unione popolare cristiana, Antonio Satta. Prese di posizione evidentemente condivise anche in Egitto. Ieri sera, infatti, l’imam marocchino, Abdul Abderraim, ha deciso di far presentare ai propri legali una denuncia alla Procura, a quanto pare per diffamazione e offesa del sentimento religioso.

Insomma, un polverone. Tanto che, a strettissimo giro di posta, il gruppo di Ponzano Veneto ha deciso di fare marcia indietro e di ritirare il fotomontaggio finito nella bufera. «Il senso della campagna Unhate è esclusivamente combattere la cultura dell’odio in ogni sua forma – ha dichiarato un portavoce di Benetton – siamo perciò dispiaciuti che l’utilizzo dell’immagine del Papa e dell’Imam abbia così urtato la sensibilità dei fedeli. A conferma del nostro sentimento abbiamo deciso con effetto immediato di ritirare quest’immagine da ogni pubblicazione». Ma se la pubblicità deve far parlare del marchio, nel bene e nel male, l’obiettivo è stato raggiunto in una sola giornata.

BENETTON RITIRA BACIO DEL PAPA DA CAMPAGNA

Il gruppo Benetton ha deciso di ritirare l'immagine della campagna 'Unhate' che rappresenta un fotomontaggio di Papa Benedetto XI che bacia sulla bocca l'imam del Cairo da ogni pubblicazione dopo la reazione indignata del Vaticano. Lo ha detto all'ANSA un portavoce del gruppo.

"Ribadiamo che il senso di questa campagna Unhate è esclusivamente combattere la cultura dell'odio in ogni sua forma - dichiara all'ANSA un portavoce di Benetton - Siamo perciò dispiaciuti che l'utilizzo dell'immagine del Papa e dell'Imam abbia urtato la sensibilità dei fedeli. A conferma del nostro sentimento abbiamo deciso con effetto immediato di ritirare quest'immagine da ogni pubblicazione".

 


| modificato il:

foto dell'autore

Stefania De Bastiani

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×