14/07/2024poco nuvoloso

15/07/2024sereno

16/07/2024sereno

14 luglio 2024

Cronaca

“No, all’apertura di nuove cave di ghiaia a Treviso e nel resto del Veneto”

Piano Cave, mozione di Zanoni, Luisetto e Bigon (Pd): "Puntare su riutilizzo dei materiali inerti a tutela dell'ambiente".

| Ingrid Feltrin Jefwa |

immagine dell'autore

| Ingrid Feltrin Jefwa |

escavazione

VENETO - "Scongiurare ogni ipotesi di apertura all’autorizzazione di nuove cave, a partire dalle province di Treviso e Verona ma in generale in tutto il Veneto. A tutela e salvaguardia di un territorio già pesantemente sfruttato e compromesso dalle estrazioni minerarie". Questa la richiesta contenuta in una mozione presentata dai consiglieri regionali del Pd Veneto, Andrea Zanoni, Chiara Luisetto e Anna Maria Bigon. Al centro, la delibera della Giunta regionale (n. 1190 del 5 ottobre 2023), "che ha aperto la strada alla possibilità di sviluppare nuove forme autorizzative oltre al mero ampliamento. Tutto questo, andando in direzione opposta al blocco delle attività di cava, disposto dal Piano del 2018". Ad allarmare i consiglieri dem è il fatto che "se da un lato il materiale già autorizzato per l'estrazione e ancora da asportare è di 48,5 milioni di metri cubi a Treviso, di 10,5 a Verona di 3 a Vicenza, per un totale di 62 milioni da scavare, al tempo stesso sono già pronte nuove richieste.

 

Ad esempio nel trevigiano - evidenzia Zanoni - sono quattro le cave che hanno presentato istanza (Postumia, Madonnetta, San Gaetano e Sant'Agostino) per un totale di altri 8 milioni di metri cubi. A Verona, le domande sono 9 per un totale di 20 milioni. Davvero c'è ancora questa necessità?" Da parte sua, Bigon pone in rilievo un passaggio della delibera nel quale si afferma che 'Nell'ambito estrattivo di Verona sono invece sopravvenute esigenze di materiali inerti legate alla realizzazione di grandi opere pubbliche quali il Progetto TAV AV/AC Verona-Padova, SS12 Tangenziale sud di Verona e la terza corsia A13 tratto Padova-Monselice che il PRAC non ha originariamente considerato fra i fabbisogni da soddisfare'. Zanoni, Luisetto e Bigon sono concordi circa l'esigenza di "prevedere invece un aggiornamento al PRAC che privilegi il riutilizzo dei materiali rispetto all’aumento delle estrazioni, al fine di abbattere il consumo del suolo e limitare le ripercussioni sull’ambiente".

 



 

 


| modificato il:

foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

SEGUIMI SU:

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×