16/07/2024poco nuvoloso

17/07/2024poco nuvoloso

18/07/2024poco nuvoloso

16 luglio 2024

Treviso

AFFITTA A CLANDESTINI, GLI CONFISCANO LA CASA

I Carabinieri di Zero Branco scoprono 70enne che affittava in nero anche a clandestini

| |

| |

Quinto - Rischia la confisca dell’immobile che aveva affittato «in nero» anche a clandestini. Il proprietario, un settantenne che abita a Treviso, è il primo trevigiano a cui viene contestata la violazione di uno degli articoli contenuto nel «pacchetto sicurezza» varato nel luglio scorso.

La casa a due piani che aveva affittato si trova a Quinto in via Contea 30, e ora l’uomo rischia di perderla, per aver violato la norma che vieta di affittare il proprio appartamento a persone irregolari. Il pensionato, secondo le ricostruzioni effettuate dai carabinieri della compagnia di Treviso, per l’affitto aveva intascato ogni mese 1.600 euro, che naturalmente finivano tutti nelle sue tasche.

Ovviamente nessun contratto di locazione poteva essere fatto alle otto persone, tutte di nazionalità moldava, che avevano preso in locazione la casa del pensionato trevigiano. Ad accorgersi che in quella casa risiedevano dei clandestini sono stati i carabinieri di Zero Branco.

Durante le normali perlustrazioni del territorio, i carabinieri si erano, infatti, resi conto che in quella casa c’era un turn over di inquilini, non tutti comunque irregolari, alcuni avevano il permesso di soggiorno.

I successivi accertamenti presso gli uffici catastali hanno evidenziato che quell’abitazione, in realtà, risultava disabitata. Sono scattate le indagini che hanno consentito ai militari di fare irruzione nella palazzina di Quinto trovandovi otto persone moldave, solo due clandestine.

I locatari, una volta in caserma, alle richieste di esibire il contratto di affitto, non sono stati in grado di mostrare alcun documento. Da ieri la palazzina è sotto sequestro preventivo stabilito dal gip, Umberto Donà. Si attende l’inizio dell’iter giudiziario per la confisca del bene che potrebbe, secondo il pacchetto sicurezza targato Maroni, diventare di proprietà dello Stato.

Contestualmente partiranno anche gli accertamenti bancari nei confronti del settantenne trevigiano indagato. Si cercheranno i soldi percepiti dall’affitto che molto probabilmente venivano versati in contanti per non lasciassero tracce. Gli inquirenti stanno vagliando anche le due posizioni di altri due italiani.

 

In foto: I Carabinieri sequestrano l'immobile (Foto Balanza)

 


| modificato il:

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×