20/01/2022foschia

21/01/2022foschia

22/01/2022velature lievi

20 gennaio 2022

Treviso

Alpini, quale futuro?

Intervista a due alpini durante i festeggiamenti per il centenario della sezione di Treviso

| Leonardo Beraldo |

immagine dell'autore

| Leonardo Beraldo |

Alpini in festa a Piazza dei Signori

TREVISO – A parlare è Silvano, classe 1959 della brigata Julia: “Il ricordo che mi è rimasto più impresso è stato sicuramente il freddo delle mattine durante il turno di guardia”. Alla domanda su quale fosse il miglior ristoro alle temperature e alla fatica, risponde: “La compagnia, ci si univa nelle difficoltà".

“Oggi è forse questo che manca ai giovani” aggiunge. “Le associazioni degli alpini hanno sempre promosso un certo tipo di fratellanza, di comunità, dettato dalla condivisione di un’esperienza molto particolare, che è quello della naia. Ora come possiamo chiedere ai giovani di comprendere a fondo questo legame, se manca loro la base su cui si fonda?”.

Il futuro dell’associazione è quindi, per Silvano, opaco: “Certo, attraverso i raduni possiamo coinvolgere qualche interessato dell’ultima ora, ma senza la leva obbligatoria formeremo sempre meno volontari che possano garantire costanza e dedizione. Ce la caveremo lo stesso? Probabile, ma dovremmo ridimensionare sempre di più gli eventi e la forza lavoro da mettere in campo nelle attività di volontariato”.

Dello stesso parere, anche se con esiti meno negativi, è Giuliano, classe 1965 e anch’esso appartenente alla brigata Julia, che cambia il punto di vista: “Se non possiamo garantire un futuro alla nostra associazione, o comunque non della stessa portata, concentriamoci sul presente e sul passato”.

“Abbiamo molte memorie della prima e della seconda guerra mondiale, e ancora testimonianze di vecchie usanze e abitudini. Siamo portatori della storia. Conta così poco? E poi, sì, il presente. Quando ci spostiamo e ci raduniamo, facciamo sempre notizia. Durante la pandemia siamo stati pronti a fare la nostra parte, il cappello sempre in testa a farci riconoscere. Sono convinto che le leggi portate avanti in questi ultimi anni abbiano danneggiato a fondo la nostra associazione, ma facciamo in modo di essere riconosciuti e ricordati come un buon esempio. Dato che l’obiettivo è la fratellanza e il senso di comunità, può sempre tornare utile!”.
 

 


| modificato il:

foto dell'autore

Leonardo Beraldo

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

immagine della news

15/10/2021

Gli Alpini compiono 150 anni

Una serie di manifestazioni ed eventi culturali, sportivi e militari che, nell’arco di un anno, da oggi, 15 ottobre 2021, porteranno alla celebrazione finale

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×