19/04/2024sereno

20/04/2024poco nuvoloso

21/04/2024poco nuvoloso

19 aprile 2024

Nord-Est

Elena Cecchettin, a Sanremo solo siparietto contro violenza

Così Elena Cecchettin, la sorella di Giulia, ha criticato l'intervento mercoledì 7 febbraio al festival di Sanremo del cast di 'Mare fuori'. La risposta di Amadeus

| Gianandrea Rorato |

| Gianandrea Rorato |

Elena Cecchettin, a Sanremo solo siparietto contro violenza

VENEZIA - "Le frasi ascoltate ieri su quel palco sono roba da baci Perugina. E soprattutto sono frasi sull'amore. Ma l'amore non ha nulla a che vedere con la violenza maschile contro le donne". Così Elena Cecchettin, la sorella di Giulia, ha criticato l'intervento mercoledì 7 febbraio al festival di Sanremo del cast di 'Mare fuori' sul tema della violenza contro le donne, condividendo sui social il post - dello stesso tenore - della scrittrice Carlotta Vagnoli. Nel suo post Vagnoli aveva definito "un siparietto intriso di pinkwashing" l'intervento degli attori di Mare Fuori.

AMADEUS
"Esprimo il massimo dolore per quello che è accaduto a Elena Cecchettin e alla sua famiglia. E rispetto il suo parere, ma secondo me l'intervento di Mare Fuori è stato bello". Amadeus risponde così alla giovane che ha bollato l'intervento contro la violenza degli attori di Mare Fuori come 'siparietto'. "Non sarà invitata sul palco. E non la chiamerò: chiami qualcuno quando ti devi scusare, ma non quando non ti devi scusare", ha aggiunto.

L'AZIENDA
"E' stata una proposta degli autori di Sanremo che abbiamo trovato interessante e condiviso", ha detto all'ANSA Roberto Sessa che con Picomedia è coproduttore con Rai Fiction della serie evento Mare Fuori, la cui quarta stagione è su Raidue dal 14 febbraio. Nella seconda serata del festival otto popolari attori della fiction hanno detto a testa otto parole, "il nuovo alfabeto dell'amore": Matteo Paolillo, Giovanna Sannino, Domenico Cuomo, Yeva Saia, Antonio d'Aquino, Francesco Panarella, Massimiliano Caiazzo e Maria Esposito Un'idea televisiva degli autori del festival di Sanremo che hanno affidato allo scrittore veronese Matteo Bussola, autore del best seller 'Notti in bianco, baci a colazione', diventato un caso social, il glossario. Per Elena Cecchettin "un siparietto", una "roba da baci perugina, frasi sull'amore che non ha nulla a che vedere con la violenza maschile contro le donne". Un'idea di palco, con i vocaboli dietro che si illuminavano, che - secondo quanto apprende l'ANSA nel dietro le quinte degli autori del festival - è stata una maniera di affrontare un tema sociale di cui c'è bisogno di parlare sotto ogni angolatura, anche quella delle parole corrette dell'amore e che purtroppo non è risolutiva per fermare i femminicidi, come null'altro del resto potrebbe. I popolari protagonisti di Mare Fuori hanno interpretato sul palco dell'Ariston le nuove parole dell'amore e parlato con emozione e semplicità - è detto, rimarcando che il dolore di Cecchettin non è neppure immaginabile - a quel target di giovani che è diventato il motore del successo del festival.


Iscriviti alla Newsletter di OggiTreviso. E' Gratis

Ogni mattina le notizie dalla tua città, dalla regione, dall'Italia e dal mondo


 

 


| modificato il:

Gianandrea Rorato

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×