03/12/2022pioggia debole

04/12/2022pioggia

05/12/2022pioggia debole

03 dicembre 2022

Cronaca

La navicella spaziale DART della NASA si schianta con successo contro un asteroide

Ha funzionato! Le ultime immagini scattate mostrano la prima missione al mondo per deviare un asteroide nello spazio che si è scontrato proprio sul bersaglio.

| Richard Brewer |

immagine dell'autore

| Richard Brewer |

asteroide


MONDO — 26 settembre 2022. Il primo test di difesa planetaria dell'umanità ha dimostrato un metodo che potrebbe essere utilizzato nel caso in cui un pericoloso asteroide si trovi in ​​rotta di collisione con la Terra. Un piccolo veicolo progettato dalla NASA chiamato DART (Double Asteroid Redirect Test), è stato lanciato nel novembre 2021 dalla California. La sua missione: schiantarsi contro un asteroide a 22.530 km orari (14.000 miglia orarie) per testare la nostra capacità di deviarlo, modificandone la velocità e il percorso attraverso lo spazio.

Alle 23:14 UTC (19:14 ET), il 26 settembre 2022 la navicella DART ha colpito con successo l'asteroide Dimorphos. Man mano che la telecamera di bordo scattava le immagini, Dimorphos cresceva di dimensioni fino a riempire completamente lo schermo e poi si spegneva. Una fine violenta per DART Indica che la collisione desiderata è stata un successo e proprio sul bersaglio. È stata confermata la prima dimostrazione al mondo di una potenziale tecnica di difesa planetaria per salvare il nostro pianeta.

Questo è solo un test: l'obiettivo è un piccolo asteroide, Dimorphos, di circa 160 metri (500 piedi) di diametro con una forma sconosciuta prima che l'approccio finale orbitasse attorno a un partner più grande chiamato Didymos. Il sistema si trova a circa 11 milioni di chilometri (7 milioni di miglia) dalla Terra e va notato che nessuno dei due oggetti rappresenta una minaccia per il nostro pianeta ora o nel prossimo futuro. Il suo scopo era quello di dimostrare una tecnica potenziale.

Questa è una missione insolita. Piuttosto che cercare di sopravvivere a un pericoloso atterraggio su un mondo alieno come la missione Perseverance Mars, "Qui, quello che stiamo cercando è la perdita di segnale", ha affermato Robert Braun, capo del settore di esplorazione spaziale presso l'Applied Physics Laboratory della NASA. "Quello per cui tifiamo è la perdita della navicella".

Mentre la navicella DART ha sorvolato Didymos e si è avvicinata a Dimorphos per l'impatto, ha catturato immagini durante i suoi ultimi cinque minuti, mostrati qui come un film. (NASA/Johns Hopkins APL)

Ci vorranno un paio di giorni per determinare se DART è riuscito a rallentare l'asteroide preso di mira, cambiando la sua orbita e in che misura. Telescopi sulla Terra e nello spazio hanno osservato la collisione così come un piccolo strumento chiamato LICIACube (Light Italian Cubesat for Imaging of Asteroids) che è stato schierato 15 giorni prima dell'impatto.

Per i dettagli dell'impatto dovremo attendere fino a quando non verranno ricevute le migliori immagini da questo primo veicolo spaziale autonomo puramente italiano Cubesat chiamato LICIACube. Il satellite di imaging dell'Agenzia Spaziale Italiana è stato trasportato a bordo della sonda DART della NASA fino all'11 settembre quando è stata rilasciata e da allora ha seguito DART fino al punto di collisione.

Registrando cosa è successo da una distanza di sicurezza, LICIACube ha ripreso la collisione a circa 50 km dal punto dell'impatto, avvicinandosi ancora di più per tre minuti dopo l'impatto e prima che passasse dietro Dimorphus. Ci vorrà del tempo per trasmettere quelle immagini alla Terra e un giorno o giù di lì per elaborarle e rilasciarle. Nel frattempo, alcune immagini dell'impatto che forse mostrano un pennacchio di detriti che si sta diffondendo dal punto dell'impatto potrebbero essere rilasciate da Hubble e dal telescopio spaziale Webb, nonché da telescopi terrestri e potrebbero essere disponibili online già dal 27 settembre (martedì) .

L'analisi dei dettagli del pennacchio di detriti può fornire informazioni sulla composizione interna dell'asteroide e il cambiamento dei parametri orbitali aiuterà a progettare futuri hardware e strategie di difesa planetaria, ma ci vorranno mesi per cercare di capire.

***********IN ENGLISH ***********

NASA DART spacecraft successfully crashes into an Asteroid
It worked! Last images taken show the world’s first mission to deflect an asteroid in space collided right on target.

WORLD — 26 September 2022. Humanity’s first test of planetary defense demonstrated a method that could be used in the event a hazardous asteroid is found to be on a collision course with Earth. A small vehicle designed by NASA called DART (Double Asteroid Redirect Test), was launched in November 2021 from California. Its mission: to crash into an asteroid at 22,530 km per hour (14,000 miles per hour) to test our ability to deflect it, changing its speed and path through space.

At 23:14 UTC (7:14 p.m. ET), September 26, 2022 the spacecraft DART successfully struck asteroid Dimorphos. As the onboard camera snapped images Dimorphos grew in size until it completely filled the screen and then went blank. A violent end to DART Indicating that the desired collision was a success and right on target. The world’s first ever demonstration of a potential planetary defense technique to save our planet was confirmed.

This is only a test — the target a small asteroid, Dimorphos, about 160 meters (500 feet) in diameter with a shape that was unknown before the final approach orbits a larger partner called Didymos. The system is about 11 million kilometers (7 million miles) from Earth and it should be noted, neither object poses a threat to our planet now or in the foreseeable future. Its purpose was to demonstrate a potential technique.

This is an unusual mission. Rather than trying to survive a hazardous landing on an alien world like the Perseverance Mars mission, “Here, what we are looking for is the loss of signal” said Robert Braun, head of space exploration sector at NASA’s Applied Physics Laboratory. “What we are cheering for is the loss of the spacecraft.”

It will take a couple of days to determine if DART succeeded in slowing down the targeted asteroid, changing its orbit and to what extent. Telescopes on Earth and in space observed the collision as did a small instrument called LICIACube (Light Italian Cubesat for Imaging of Asteroids) that was deployed 15 days before the impact.

For details of the impact we will have to wait until the best images are received from this first purely Italian autonomous spacecraft Cubesat called LICIACube. The Italian Space agency imaging satellite was carried onboard the NASA DART probe until September 11 when it was released and has been trailing DART to the collision point ever since.

Recording what happened from a safe distance, LICIACube was imaging the collision about 50 km from the point of impact, coming even closer for three minutes after impact and before it passed behind Dimorphus. It will take some time to transmit those images to Earth and a day or so to process and release them. In the interim, some images of the impact perhaps showing a debris plume spreading from the point of impact may be released by Hubble and the Webb Space Telescope as well as ground based telescopes, and might be available online as early as 27 September (Tuesday).

Analysis of the debris plume detail can provide information about the asteroid’s interior composition and the change in orbital parameters will help design future planetary defense hardware and strategies but that will take months to try and understand.

 

 


| modificato il:

foto dell'autore

Richard Brewer

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×