I nostri primi cent'anni

Importante compleanno nella Marca: compie un secolo di vita il ristorante Busatto

commenti |

TREVISO - Passione, dedizione e buona cucina. È questo che da un secolo la famiglia Busatto offre a chi varca le porte del suo ristorante, situato all'interno dell'antica Villa Brilli.

In questa antica dimora, alle porte di Treviso, sin dai primi del '900 la famiglia Busatto vive e lavora, offrendo una cucina ispirata alla tradizione veneta e trevigiana in particolare, in cui le proposte di mare sono il fiore all'occhiello.

Cento anni di storia che non hanno scalfito l'impegno e la passione per il lavoro che ancora oggi animano Enos e Maria Busatto, affiancati dai figli Silvia e Luca e dalla nuora Daria. Un traguardo importante che i Busatto hanno deciso di festeggiare con un ricco calendario di eventi che animerà tutto il 2019.

"È davvero significativo che nel territorio sia presente un'attività con tale storicità - ha commentato il Vicesindaco di Treviso, Andrea De Checchi - soprattutto nel trevigiano, dove i prodotti tipici e la cucina sono motori significativi dell'economia. Un plauso dunque alla famiglia Busatto, la cui dedizione al lavoro è il miglior biglietto da visita per la nostra città".

"Questo compleanno non è solo la nostra festa - ha proseguito Luca Busatto - ma anche di tutti coloro i quali ci hanno dato la loro fiducia, rinnovandola tutte le volte che hanno scelto la nostra cucina. Senza i nostri clienti, che negli anni sono diventati amici, oggi non saremo qui a festeggiare. Vogliamo perciò condividere questo momento con la città di Treviso, con tutti comuni limitrofi e con chiunque abbiamo percorso con noi un pezzetto della strada che ci ha fatto arrivare sin qui".

"Voler bene alla gente è il nostro più grande difetto - ha spiegato Enos Busatto - perchè voler bene alla gente ti fa passare bene la giornata. Da sempre il nostro riustorante accoglie la gente, per noi i clienti sono amici; lo dimostra il 'confessionale', il tavolino posizionato nel giardino dove già mio padre ascoltava i nostri ospiti, elargiva consigli e, molte volte, anche un aiuto concreto. Oggi il tavolino è ancora lì e noi siamo felici di proseguire questa bella tradizione".

Il primo appuntamento sarà la pubblicazione del libro "Cibo, terra e amore. 100 anni del ristorante Busatto" curato da Bruna Graziani. Una pubblicazione che ripercorrerà le tante storie della famiglia e della loro attività di ristoratori, basata su "Più di cent'anni di impegno e rigore - come sottolineato dall'autrice - di una famiglia che fa della coesione uno dei punti di forza, assieme alla passione e alla determinazione che valgono il doppio e dove persiste, dote rara, l'umiltà. Dai Busatto si sta bene, ci si sente parte di una famiglia appena si varca la soglia del loro meraviglioso ristorante, dove ad accoglierti sono sempre la stretta di mano e il sorriso della vera ospitalità".

Al libro seguirà la Cena di Gala del 12 giugno e la serata dedicata ai giovani del 13 giugno, con dj- set ed un'ambientazione lounge.

E da settembre il calendario di eventi riprenderà con alcune sorprese "tutte da gustare".

Il Ristorante Busatto è ospitato da Villa Brilli, dimora settecentesca di grande valore storico e pregio architettonico inserita nell'elenco dell'Istituto Regionale Ville Venete. Classificata residenza di villeggiatura è composta da un corpo centrale affiancato da due barchesse,da un intimo oratorio e cappella privata.

Commissionata nel XVII secolo dai Conti Brilli,ricchi mercanti veneziani originari di Lugano,è divenuta di proprietà della famiglia Busatto ai primi del '900, per poi acquisire la forma attuale in seguito al restauro,effettuato nel 1995,ad opera del capo famiglia Enos Busatto.

Precedentemente adibita a "frasca", gestita da Giuseppe e Giuseppina, genitori di Enos, oggi la villa ospita il ristorante "Busatto", che si sviluppa in più sale ed ambienti differenti.

La cucina si orienta da generazioni su proposte di mare e sui suoi frutti stagionali utilizzando esclusivamente prodotti di qualità per una cucina ispirata alla tradizione.

Enos e la moglie Maria, perno insostituibile per il raggiungimento di tale professionalità,hanno condotto il loro lavoro di ristoratori con passione e dedizione. Passione e dedizione che si sono trasformate in tradizione poiché a proseguire la loro attività si sono aggiunti anche i figli, Luca e Silvia e la nuora Daria.

 

 

Agenda

In collaborazione con:

Con il supporto di:

Scrivi a Treviso a Tavola:

Scrivi alla Redazione Segnala un Evento

Grazie per averci inviato la tua notizia

×