23 febbraio 2020

Vittorio Veneto

Quando i profughi (mal sopportati) eravamo noi

Vittorio Veneto combatte il razzismo. Ricordando le discriminazioni di 100 anni fa

Stefania De Bastiani | commenti |

immagine dell'autore

Stefania De Bastiani | commenti |

Quando i profughi (mal sopportati) eravamo noi

Partecipanti alla marcia, gruppo associazione Rete di Cittadinanza Solidale

VITTORIO VENETO - A Vittorio Veneto si combatte il razzismo. E lo si fa attraverso lo sport, la fotografia, la storia e il cibo.

Ha preso il via domenica la settimana di azione contro il razzismo per la quale Vittorio Veneto ha ottenuto dall’Ufficio Nazionale Anti-discriminazioni Razziali (UNAR) un finanziamento di 10mila euro. Il comune trevigiano è stato l’unico del Veneto a vincere il bando nazionale e, in collaborazione con la Fondazione Leone Moressa e diverse realtà del territorio, ha portato in città eventi e manifestazioni di sensibilizzazione sul tema delle discriminazioni.

 

“Questa settimana - ha spiegato oggi in conferenza stampa il sindaco Roberto Tonon - si inserisce all’interno delle iniziative per il Centenario della Grande Guerra. Sono passati cent’anni, da quando i profughi eravamo noi: vittoriesi, trevigiani, mal sopportati nei luoghi dove cercavamo rifugio, spesso disposti ad accettare lavori con salari inferiori rispetto a quelli locali. Ora la storia si ripete: c’è chi arriva qui. Dobbiamo imparare dal passato, e trasformare i problemi in opportunità”.

 

“Quando i profughi eravamo noi”, sarà il tema dell’incontro in programma per venerdì 23 marzo alle ore 20.30. Presso il museo della battaglia lo scrittore e giornalista Gianantonio Stella, insieme al sindaco Roberto Tonon, allo storico Daniele Ceschin e a Fabrizio Urettini del progetto Talking Hands, parlerà delle migrazioni del passato e delle discriminazioni di cui noi, un tempo, siamo stati vittime.

Il sindaco Roberto Tonon alla marcia

La settimana di sensibilizzazione è ufficialmente iniziata domenica scorsa, quando in piazza del Popolo, in occasione dell’ Eroica Marathon, è stata organizzata la marcia “Di corsa contro il razzismo”, a cui hanno partecipato anche molti richiedenti asilo ospitati in città. Ai partecipanti è stato consegnato un braccialetto arancione, con impresso l’hashtag #noalrazzismo2018 e le parole “Le etichette sono solo per i vestiti”. Una frase proposta dalla classe terza B della scuola media Da Ponte che, insieme ad altri 70 istituti della città, ha partecipato (vincendo!) al concorso istituito per trovare una frase che descrivesse al meglio la settimana d’azione.

 

E se gli eventi sono iniziati con una corsa, finiranno con una mangiata: sabato 24 marzo alle 19 al Victoria Sport ci sarà una degustazione gratuita di piatti multietnici e non: si potranno assaggiare il Tajin del Magreb, lo Yassa del Senegal, il Pivarki della Macedonia e compararli con i (come possono mancare?) radici e fasioi.

 

In occasione delle iniziative contro il razzismo, presso la Chiesa di San Paoletto al Museo della Battaglia è stata inaugurata la mostra fotografica "1918-2018 profughi di ieri e di oggi", testimonianze sui profughi della Prima Guerra Mondiale e su quanti chiedono accoglienza e protezione oggi.

Un’occasione, quella del Centenario della Grande Guerra, in cui la città di Vittorio Veneto vuole non solo commemorare il passato, ma anche riflettere sul presente e sul futuro. Perché, come recita lo slogan della settimana, “un mondo senza pregiudizi gira per il verso giusto”.

Questo il video girato dall'Associazione Giovani di Colle Umberto

 



foto dell'autore

Stefania De Bastiani

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×