18 maggio 2021

Spettacolo

Quella volta che Phil Collins dei Genesis comprò un paio di scarpe da tennis al mercato di Adria

Si cercano testimonianze degli spettatori che il 6 aprile del 1972 assistettero al concerto dei Genesis nel teatro comunale di Adria

| Lieta Zanatta |

immagine dell'autore

| Lieta Zanatta |

Genesis, gruppo

ADRIA - Quella volta i Genesis avrebbero dovuto esibirsi a Belluno, ma poi successe che Mago Zurlì, il popolare personaggio interpretato da Cino Tortorella, ebbe un incidente proprio a Pasqua. E così il giovane complesso inglese di Rock Sinfonico - così si chiamava quella volta il genere Progressive Rock - ancora sconosciuto alla fama mondiale che avrebbe raggiunto qualche anno dopo, venne chiamato al Teatro Comunale di Adria a fare da tappabuchi.

La sera del 6 aprile 1972 si esibirono di fronte a una platea di neanche un centinaio di persone.

E adesso la Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo che propone dal 13 marzo la mostra Quando Gigli, Pavarotti e la Callas... I Teatri storici del Polesine a Palazzo Roncale di Rovigo, lancia un appello per ritrovare quelle poche decine di spettatori che, fortunati loro, assistettero al concerto quella sera.

Si vogliono raccoglierne le testimonianze e le impressioni, sapere se sono in possesso qualche foto o registrazione “casalinga” di un evento che si può definire storico. Tutta la documentazione che verrà raccolta verrà poi inserita nel sito e in una sezione della mostra accanto ai protagonisti della lirica.

Per quei testimoni è a disposizione il numero di Whatsapp 3519356194 e la mail info@arcadia-arte.com.

Lirica e Progressive, generi musicali differenti che hanno nel loro denominatore comune l'aver calpestato le scene del fastoso teatro comunale adriese.

L'arrivo in Polesine del complesso quel giorno è documentato dal registro dell'albergo Stella d'Italia, dove sono annotati i nomi di Peter Gabriel, Phil Collins, Steve Hackett, Tony Banks, Mike Rutherfod, del manager Richard Macphail e dei due roadies, i tecnici tuttofare.

Un aneddoto curioso viene raccontato nel libro Genesis in Italia. I concerti 1972 – 1975 (2015, Segno ed.) scritto da Mimo Profumo con tanto di prefazione di Richard Macphail e Steve Hackett. Roberto Zola, chitarrista della band Odissea di Biella che faceva da gruppo spalla ai Genesis, accompagnò Phil Collins in giro per la città e al mercato di Adria a comperarsi un paio di scarpe da tennis.

A ricordarne negli anni quella data, furono gli stessi Genesis, come Steve Hackett, che nell'estate del 2012 fu ospite d'onore al Genesis Day della manifestazione Adria d'Estate proprio per parlare, quarant'anni dopo, di quel debutto. A quel tempo il gruppo era ancora ignorato in patria ma, grazie a questo tour, partito proprio da Adria con tra le quali tappe al glorioso Piper di Roma e al Mediterraneo di Napoli, il pubblico italiano ne decretò la fama prima di tutti gli altri. Grazie anche ai passaggi del loro terzo album Nursery Crime lanciati quell'anno dal conduttore radiofonico Carlo Massarini nella popolare trasmissione Per voi Giovani di Radio Rai e alle ottime recensioni di Armando Gallo nel diffusissimo giornalino Ciao 2001.

La mostra Quando Gigli, Pavarotti e la Callas... I Teatri storici del Polesine si terrà a Palazzo Roncale di Rovigo dal 13 marzo al 4 luglio 2021.

L'esposizione è a cura di Maria Ida Biggi con Alessia Vedova, da un progetto di Sergio Campagnolo. La campagna fotografica è di Giovanni Hänninen, il videomaker Alberto Amoretti. Promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo.

Foto tratte da Wikipedia e dalla pagina ufficiale Fb dei Genesis - foto in primo piano tratta dalla copertina di un album "raccola di canzoni 1970/1972"

 

 


| modificato il:

foto dell'autore

Lieta Zanatta

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×