26 gennaio 2021

Treviso

Ristoranti aperti domani, ma per finta. Aderisce la Confcommercio

"Insieme al bollettino delle vittime si emetta anche quello delle imprese morte per Covid"

| Roberto Grigoletto |

immagine dell'autore

| Roberto Grigoletto |

protesta in piazza

TREVISO - I ristoranti aperti ma per finta stanno raccogliendo prenotazioni da Treviso e da tutto il Veneto. E’ prevista per domani questa originale forma di protesta per la prolungata chiusura per pandemia di bar, trattorie e tavole calde. “La realtà”- spiega Dania Sartorato, presidente di Fipe-Confcommercio della provincia di Treviso – “è sotto gli occhi di tutti. Tutti i bar e i ristoranti, indipendentemente dalle sigle delle Associazioni o dei Sindacati cui aderiscono, sono esasperati da questo lungo periodo di sacrifici, fatto di poca chiarezza e decreti fisarmonica”.

E se alcune sigle, più che lo spirito, non condividono l’organizzazione di certe forme di protese, Fipe chiede invece ai suoi associati di battere un colpo, nel pieno rispetto della regole Covid e con la massima responsabilità. “Chiediamo a tutti i soci della provincia, non solo di Treviso, che accendano le luci nei propri locali mantenendo però la chiusura al pubblico: è un modo per far capire che non solo il 15, ma ogni giorno, siamo ancora vivi, con le nostre luci, la nostra proposta di convivialità sospesa, la nostra capacità di resistenza. Siamo le sentinelle di questo tempo sospeso”.

L’allarme è forte ed è risuonato più e più volte in questi mesi e nelle ultime settimane soprattutto: “A breve non ci sarà solo il bollettino delle vittime ma anche quelle delle imprese morte per Covid19. Il lungo periodo di sacrifici che stiamo sopportando, la rinuncia al Natale e Capodanno che rappresenta il 30% dei nostri fatturati, dell’indotto delle cerimonie, ci hanno messo in ginocchio. I ristori di Natale stanno arrivando solo da un paio di giorni e sono nettamente insufficienti a coprire le perdite, mentre i costi fissi e di affitto corrono tutti i mesi e tutti i giorni”. A preoccupare però è anche lo scontro sociale che si profila, con impatti e conseguenze non limitate al piano economico: “Questo periodo rappresenta una grossa perdita finanziaria, ma anche una grave perdita per la democrazia e per l’uguaglianza dei lavoratori”

 


| modificato il:

foto dell'autore

Roberto Grigoletto

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×