22 aprile 2021

Politica

Scuola: il Tar deciderà mercoledì prossimo se bocciare l'ordinanza Zaia

Rinviata alla seduta del 27 la discussione del ricorso dei genitori che si oppongono alla chiusura delle superiori fino a fine gennaio.

| Roberto Grigoletto |

immagine dell'autore

| Roberto Grigoletto |

tar

NORDEST - Al momento è un pareggio: il TAR non ha dato torto ai genitori che avevano chiesto, il 17 gennaio, di sospendere l’ordinanza con la quale Zaia ha bloccato fino al 31 gennaio il rientro a scuola. Dall’altro lato non l’ha nemmeno accolta, respingendo la richiesta d'immediata sospensiva del provvedimento e rinviando la decisione al 27 gennaio quando il giudice della prima sezione del Tribunale amministrativo, Maddalena Filippi, ha fissato un'udienza in camera di consiglio per il giudizio cautelare. Sul merito - scrive il giudice - le contestazioni “non appaiono del tutto sfornite di elementi di fondatezza".

Considera poi che l’assenza da scuola continua ormai da 120 giorni e gli interessi dei ricorrenti sono "meritevoli di altissima considerazione e costituzionalmente rilevanti". Tuttavia, non risultando una valutazione univoca dei dati epidemiologici “allo stato non sussiste quella situazione di estrema gravità e urgenza che non consente la dilazione fino alla data della camera di consiglio". Convocata per mercoledì della prossima settimana.

Lapidario il commento a caldo del Governatore Zaia: “Le motivazioni che abbiamo addotto insieme all'Istituto Scolastico Regionale ai giudici del Tar sono alla base di questa vittoria. Non cantiamo vittoria, festeggeremo quando ci sarà la fine del Covid".

 



foto dell'autore

Roberto Grigoletto

Dello stesso argomento

immagine della news

16/04/2021

Covid Veneto, Zaia: "Oggi 906 contagi"

Il bollettino della regione con i nuovi casi di Coronavirus: da ieri 23 morti, processati 35.700 tamponi con un indice di positività del 2,54%

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×