24 gennaio 2020

Conegliano

Un tè e un buon libro in Pronto Soccorso

Al via il 12 giugno i lavori di riorganizzazione

commenti |

commenti |

Un tè e un buon libro in Pronto Soccorso

CONEGLIANO - Un Pronto Soccorso più spazioso e accogliente in cui a disposizione di pazienti e familiari ci saranno schermi, una mini biblioteca e infermieri-facilitatori. Prenderanno il via mercoledì 12 giugno i lavori di riorganizzazione del Pronto Soccorso dell’Ospedale di Conegliano. L’intervento, che richiederà alcune settimane, permetterà di riorganizzare gli attuali spazi, che saranno più confortevoli e funzionali.

 

“Questo progetto, cui tengo particolarmente, ci consentirà di fare un ulteriore passo avanti sulla strada dell’umanizzazione di tutte le nostre strutture - sottolinea il Direttore Generale, Gian Antonio Dei Tos -. L’intervento ci consentirà di migliorare notevolmente il comfort e la gestione dell’accoglienza in Pronto Soccorso: al termine dei lavori saremo in grado di dare un servizio migliore ai nostri assistiti. Il progetto di umanizzazione del Pronto Soccorso - conclude Dei Tos - interesserà, anche l’ospedale di Vittorio Veneto, per il quale è in fase di ultimazione la definizione degli interventi da effettuare”. 

 

lavori che interesseranno il Pronto Soccorso di Conegliano riguarderanno, nella prima fase, l’area che ospita sala d’attesa e box del triage. La sala d'attesa sarà ampliata, dotata di nuovi arredi oltre che di schermi, biblioteca e distributori automatici di bevande. Gli schermi consentiranno di visualizzare, in tempo reale, il numero di persone in attesa, suddivise in base al codice di gravità: saranno utilizzati, inoltre, anche per l’intrattenimento, con news e informazioni utili. Accanto agli spazi riservati a pazienti e familiari sarà ricavata anche una mini-biblioteca che ospiterà dei libri che saranno messi a disposizione di pazienti e familiari che vogliono utilizzare in modo costruttivo il tempo di attesa. Nell’ambito dell’intervento che prenderà il via mercoledì prossimo sarà migliorata anche la logistica dell'area triage, attualmente collocata in un box chiuso: l'area verrà resa più facilmente accessibile. E’ previsto, inoltre, il riordino degli spazi di accesso per i pazienti che arrivano in ambulanza. Il progetto di umanizzazione del Pronto Soccorso prevede che venga ricavata, all'interno del Pronto Soccorso, anche uno spazio riservato ai colloqui con i familiari.

 

La riorganizzazione degli spazi del Pronto Soccorso consentirà di migliorare, oltre che spazi e arredi, anche l’interazione tra il personale dell’Unità Operativa e le persone in attesa: l’infermiere triagista, nella veste di “facilitatore” avrà un ruolo di “raccordo” tra le persone in attesa e gli ambulatori: potrà fornire informazioni, oltre che ai pazienti che aspettano il proprio turno, anche ai familiari sulle condizioni dei congiunti presi in carico dal Servizio. Per permettere l’effettuazione dei lavori l’accesso pedonale al Pronto Soccorso - sottolinea Giuseppe Toffolon, Direttore dell’Ospedale - sarà provvisoriamente spostato a lato dell’ingresso delle ambulanze: “I lavori in programma comporteranno, inevitabilmente, qualche momentaneo disagio per l’utenza, cui chiediamo collaborazione in considerazione del fatto che l’obiettivo è di dare, nell’arco di poche settimane, un servizio migliore”.

 

Leggi altre notizie di Conegliano
Leggi altre notizie di Conegliano

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×