15 ottobre 2021

Cultura

Violante Placido premia gli scultori di tre nuove opere d'arte sulla scogliera di Caorle

La serata della premiazione dei vincitori del concorso ScoglieraViva sabato 26 luglio alle 21 in piazza Vescovado

| Lieta Zanatta |

| Lieta Zanatta |

Violante Placido

CAORLE - Se c'è una cosa che distende l'anima in ogni momento di ogni giorno dell'anno, è la passeggiata sul lungomare di Caorle dove la bianca scogliera frangiflutti è costellata di opere d'arte che raccontano storie o rappresentano cose che hanno lo scopo di riportarci in una dimensione che ha del fiabesco. Dal 1993 il Comune di Comune di Caorle indice ScoglieraViva. Sculpting the Sea, il premio internazionale di scultura all'aperto con cadenza biennale che contribuisce alla realizzazione di questo grande sito di opere d'arte in divenire sul bordo del mare Adriatico.

 

 

E quest'anno ricorre la 20a edizione che vede sabato 26 giugno alle 21 una serata con l'attrice Violante Placido, madrina dell'evento, che premierà nella centralissima piazza Vescovado i tre artisti vincitori di questo concorso il cui successo, decretato dalla sua originalità, ha portato nel 2021 ben 200 adesioni da parte di scultori di tutto il mondo. I tre premiati, a cui andrà un assegno di duemila euro ciascuno, sono gli italiani Cosimo Scotucci e Eleonora Saracino e il russo Peter Zaytsev, già in attività sotto gli occhi di tutti dal 17 giugno sulla scogliera della Small Venice, il nome per cui è conosciuta all'estero quella piccola Venezia che è Caorle.

 

 

Quest'anno «Il numero di iscritti al bando è altissimo e il valore culturale delle proposte ricevute lo è ancor di più: raccontano avventure di vita e messaggi di speranza e dimostrano una spiccata sensibilità verso l’ambiente – spiega l'assessore alla Cultura Alessandra Zusso - L’aspetto culturale del concorso d’arte ScoglieraViva aiuta ad elevare ed impreziosire questo nostro museo all’aperto e lo confermano come la più bella passeggiata dell’Alto Adriatico: vi invitiamo a visitarlo, saprà stupirvi!»

 

A decretare i vincitori è stata una giuria di qualità, composta da:

Michelangelo Galliani – scultore e docente di Tecniche del Marmo e delle Pietre dure presso l’Accademia di Belle Arti di Urbino

Danilo Premoli – architetto e designer, membro del Comitato scientifico di ADI Design Index 2020 e 2021 per il Compasso d’Oro 2022

Pietro Valle – architetto, fondatore dello Studio Valle Architetti Associati di Udine

 

 

I VINCITORI E LE LORO OPERE

Cosimo Scotucci (Italia, 1988) è un architetto e inventore. Nel 2013 si è laureato con il massimo dei voti in Architettura presso l’Università La Sapienza di Roma. Nel 2019 ha fondato a Rotterdam lo studio Cosimo Scotucci, un laboratorio dove sperimentare idee pioneristiche e progetti innovativi per creare un futuro più democratico e resiliente.

 

 

Titolo dell'opera: Flutti

Una composizione di gocce blu fotoluminescenti incastonate negli scogli in modo da lasciare durante il giorno la memoria dei flussi del mare mentre di notte, illuminandosi, rivelano un paesaggio onirico inaspettato.

 

 

Peter Zaytsev (Russia, 1979) Famoso architetto moscovita, co-fondatore di Za bor architects. Il curriculum di Peter include dozzine di progetti in Europa e in Asia, inclusa la stazione della metropolitana di Mosca Nagatinsky Zaton. Nel 2018 ha iniziato a lavorare anche come scultore. Le sue opere d'arte si trovano in gallerie d'arte moderna e in collezioni private.

 

 

Titolo dell'opera: Social Distance

L'idea principale dell’opera è quella di riflettere sulla situazione che ha cambiato le nostre vite nell'ultimo anno. Quest'uomo sta cercando di difendersi entro 1,5 metri di distanza - la sua distanza sociale.

 

 

Elena Saracino (Italia, 1976) Dopo il diploma in scultura, nel 2008 ottiene la specializzazione in scultura presso l’Accademia di Belle Arti di Carrara. Dal 2007 partecipa a concorsi e simposi di scultura in Italia e all’estero. L'interesse verso la concezione di sculture all'aperto la avvia ad una ricerca sempre più improntata all'integrazione tra opera e ambiente e dal 2011 si esprime nella realizzazione di installazioni d'arte ambientale.

 

 

Titolo dell'opera: Mutazione

Il concetto che vuole esprimere è il cambiamento fisico continuo di ogni elemento in natura a cui noi umani non possiamo opporci poiché noi stessi siamo parte di questo processo, che non è altro che l’evoluzione ciclica ma irreversibile del tempo.

 

L’evento è organizzato dal Comune di Caorle in collaborazione con l’Associazione Culturale MoCA

Presenta la serata Giusva Iannitelli, speaker di Radio Wow

La partecipazione è gratuita con prenotazione obbligatoria

Maggiori informazioni disponibili su www.scoglieraviva.com

 


| modificato il:

Lieta Zanatta

Dello stesso argomento

immagine della news

09/05/2021

BUONA DOMENICA Impara l'arte e mettila da parte

Chiusa l'inchiesta e condannati i responsabili degli esami di italiano fasulli sostenuti dal calciatore uruguaiano Suarez per ottenere una certificazione B1. Vista con il binocolo

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×