24/10/2017sereno

25/10/2017velature sparse

26/10/2017sereno con veli

24 ottobre 2017

Rugby

Dean Budd nuovo capitano biancoverde

Nella riunione di stamane l’head coach biancoverde Kieran Crowley ha comunicato alla squadra la scelta condivisa da società e staff

Rugby

Dean Budd

TREVISO - Sarà Dean Serge Budd il capitano del Benetton Rugby per la stagione sportiva 2017/2018.

Nella riunione di stamane l’head coach biancoverde Kieran Crowley ha comunicato alla squadra la scelta condivisa da società e staff di affidare a Dean i gradi capitano.

Budd, dopo aver vestito le maglie Auckland, Blues, Northland e NEC Green Rockets, è arrivato in Italia nella stagione 2012/2013.

Giocatore di grande dinamismo capace di ricoprire il ruolo di seconda e terza linea, è un ottimo saltatore oltre ad essere un amante del gioco veloce: la facilità nell’esecuzione degli offloads ne sono una dimostrazione.

In questi 5 anni a Treviso durante i quali ha collezionato 88 presenze, Dean si è fatto apprezzare anche come prolifico marcatore, sono 4 le mete segnate in questa stagione ed è lui il biancoverde ad aver realizzato più mete nello stesso match di PRO12 (il primo marzo del 2013 ne siglò 3 al Ravenhill di Belfast nella gara terminata in pareggio 29 a 29 contro l’Ulster, ndr).

Inoltre lo scorso mese, in occasione del tour estivo della Nazionale Italiana Maggiore, ha fatto il suo esordio con la maglia azzurra scendendo in campo dal primo minuto in tutti e tre i match disputati.

Queste le parole del nuovo capitano biancoverde che visibilmente emozionato si è rivolto così alla squadra: “Questo è il momento più bello della mia carriera. Per me sarà un onore poter essere il vostro capitano e so che non sarò solo poiché questo è un gruppo composto da tanti leader. Quella che ci attende sarà una stagione importante dalla quale ci auguriamo di raccogliere quanto seminato lo scorso anno.”

Alle dichiarazioni di Budd hanno fatto seguito quelle del Presidente, Amerino Zatta: “A nome di tutta la società voglio congratularmi con Dean per il percorso di crescita mostrato in queste stagioni trascorse con la nostra maglia. I gradi di capitano per lui non rappresenteranno una novità poiché già nella parte finale dello scorso campionato, le sue prestazioni sportive abbinate alla sua leadership lo avevano portato in numerose occasioni a ricoprire questo importante ruolo.”
 

 

Altri Eventi nella categoria Rugby

Irnè Philip Herbst
Irnè Philip Herbst

Rugby

Ecco le prime parole del giocatore del Benetton Rugby: "Felice per la chiamata di Treviso"

Herbst si presenta

TREVISO - "Quando, nel settembre del 2016, sono stato contattato dal Benetton Rugby ovviamente non potevo che essere felice, volevo a tutti i costi venire a Treviso".

un'immagine del match colo Tolone
un'immagine del match colo Tolone

Rugby

A Monigo gioca alla pari contro il Tolone e sfiora la vittoria, che sfugge proprio in pieno recupero. Vincono i francesi 29-30

Benetton a un passo dall'impresa in Coppa

TREVISO - Il Benetton indossa lo smoking nella seconda giornata di Champions Cup. E ben lungi dall’essere agnello sacrificale, contro il pluridecorato Tolone gioca il match dell’anno confermando quanto di buono fatto vedere in campionato.

Rugby

Nella seconda giornata del Trofeo Eccellenza Mogliano non completa la rimonta e torna da Reggio solo con il punto di bonus

Mogliano sconfitto a Reggio Emilia 20 a 17

REGGIO EMILIA – Sconfitta anche in terra emiliana per i biancoblù che nel secondo tempo non riescono a completare la rimonta e devono cedere per soli tre punti ai padroni di casa.


Commenta questo articolo


Le società Sportive

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×