08 dicembre 2019

Castelfranco

DIGITALE, CHI NON RICEVE DOVRÀ CAMBIARE L’ANTENNA

Molti ancora non riescono a vedere la tv. Gli studenti dell’Ipsia impegnati nel monitoraggio

| commenti |

| commenti |

DIGITALE, CHI NON RICEVE DOVRÀ CAMBIARE L’ANTENNA

CASTELFRANCOIn tanti non riescono ancora a vedere la televisione. Per loro il passaggio al digitale si sta rivelando un vero e proprio incubo.

Aver comprato il decoder potrebbe non essere abbastanza. Potrebbe essere necessario cambiare anche l’antenna sul tetto dell’abitazione, con una spesa che in media si aggira sui 150 euro.

In questi giorni gli studenti dell’Ipsia “Galilei” che hanno aiutato gli anziani nel passaggio al digitale faranno delle rilevazioni a campione per capire chi effettivamente ha dei problemi di antenna.

Per chi ancora non riceve il segnale digitale il problema potrebbe essere anche imputabile a chi fornisce il servizio o a chi gestisce la rete. Per questo, sabato mattina, sempre all’Ipsia di Castelfranco, ci sarà un tavolo tecnico con rappresentanti di Rai, Mediaset, Antenna Tre e Rete Veneta: gli studenti forniranno gli elementi raccolti in questi mesi di lavoro affinché le televisioni riescano a migliorare il servizio.

«Ci sono ancora molte persone con la televisione in cui non si vede nulla - spiega il professor Daniele Pauletto, responsabile del progetto Ipsia Task Force – In pratica non c’è servizio. Installato correttamente il decoder, ora i problemi di ricezione possono essere riconducibili a chi fornisce il servizio, a chi gestisce la rete, oppure ci possono essere dei problemi con l’antenna.

Per quanto riguarda i fornitori del servizio, avremo un tavolo tecnico sabato con Rai, Mediaset, Antenna Tre e Rete Veneta: daremo le informazioni in nostro possesso e ci aspettiamo possano prendere gli accorgimenti necessari. Riguardo le antenne, invece, dispiegheremo un paio di classi in varie zone di Castelfranco ed andremo a verificare a campione. I ragazzi faranno delle rilevazioni e compileranno delle schede con i dati. La Fracarro Radioindustrie ci darà il supporto tecnico per le misurazioni».

Se il problema di ricezione è dovuto all’antenna ci sono due prospettive. «Potrebbe trattarsi di un posizionamento scorretto, e in quel caso si dovrà riposizionare l’antenna – dice sempre Pauletto – Nel caso in cui, però, l’antenna sia troppo vecchia o non adatta al segnale digitale, non ci sarà altra soluzione che sostituirla». Ma come si spiega la difficoltà di ricezione del segnale digitale? «Con l’analogico il segnale era forte e bene o male si riusciva ad agganciarlo. Con il digitale o il segnale arriva in maniera perfetta o non si riceve».

Matteo Ceron

 

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

immagine della news

14/10/2011

E TV FU

A Corbanese di Tarzo a un anno dallo switch-off è arrivato il digitale terrestre

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×