22/07/2018temporale e schiarite

23/07/2018parz nuvoloso

24/07/2018quasi sereno

22 luglio 2018

Treviso

A Gilberto Benetton il Gei Award 2017

La consegna a New York il prossimo 5 ottobre

commenti |

TREVISO - Va a Gilberto Benetton il 'Gei Award 2017', premio conferito dal Gruppo esponenti italiani di cui fanno parte i rappresentanti delle maggiori aziende, organizzazioni e istituzioni italiane attive negli Stati Uniti.

Il presidente del Gruppo Autogrill riceverà il riconoscimento il prossimo 5 ottobre nel corso di un gala a New York. Come ha annunciato il presidente del Gei, Lucio Caputo, Benetton verra' premiato "in segno di apprezzamento per l'attività svolta a favore dell'industria tricolore, per il grande contributo dato al miglioramento dell'immagine e del prestigio dell'Italia nel mondo". La cerimonia coinciderà con le celebrazioni per i 40 anni dell'azienda, leader mondiale della ristorazione per chi viaggia.

 

Il 'Gei Award' viene assegnato a personalità italiane ed americane che si sono particolarmente distinte nel corso dell'anno. Fra i premiati, negli oltre quaranta anni di vita del Gei, ci sono personaggi del calibro di Gianni Agnelli, Guido Carli, Carlo Azeglio Ciampi, Mario Monti, Giorgio Napolitano, Luciano Pavarotti, Sandro Pertini e Bruno Vespa.

 

Gilberto Benetton- si legge nella motivazione del premio - "e' il regista della diversificazione della famiglia Benetton nei settori retail, infrastrutture ed immobiliare avvenuta negli ultimi 20 anni, dopo aver dato inizio nel 1965, con i fratelli Giuliana, Luciano e Carlo, all'attività di Benetton Group, società leader nel settore moda. Benetton - si ricorda - è vice presidente di Edizione Srl, la finanziaria di famiglia, presidente di Edizione Property, presidente di Autogrill, consigliere del gruppo Atlantia e di Mediobanca".  

 

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×