19/09/2018quasi sereno

20/09/2018sereno

21/09/2018sereno

19 settembre 2018

Oderzo Motta

Imprenditori donano otto poltrone al reparto di oculistica

Cerimonia di consegna quest'oggi in ospedale a Oderzo: consentiranno anche il trasporto in sala operatoria

commenti |

la donazione oggi al reparto di oculistica

ODERZO - Sala preoperatoria rinnovata, nell’Unità Operativa di Oculistica dell’Ospedale di Oderzo, grazie alla generosità di un gruppo di imprenditori locali che ha donato otto poltrone.

Le nuove poltrone, oltre a rendere più confortevole l’attesa dei pazienti del Day Surgery in attesa dell’intervento, potranno essere utilizzate - essendo provviste di ruote – anche per il trasporto del paziente direttamente in sala operatoria, rendendo non più necessario lo spostamento con le carrozzine. In tal modo vengono favoriti in particolare i soggetti più anziani o portatori di handicap motori.

“Agli imprenditori opitergini va il mio più sentito ringraziamento per questo gesto di generosità che ci permette di ammodernare e rendere più funzionale la sala preoperatoria del Day Surgery – sottolinea il direttore generale, Francesco Benazzi -. Sul fronte dell’Oculistica va ricordato che siamo impegnati anche in un processo di ammodernamento delle dotazione della sala operatoria e che, di recente, abbiamo acquistato un laser SLT destinato ai pazienti glaucomatosi, unico a livello provinciale, che permetterà di trattare i pazienti in loco, evitando i disagi legati agli spostamenti.

Questa strumentazione sarà motivo di attrazione non solo per l'Opitergino, ma anche per le realtà circostanti. Il mio ringraziamento - conclude Benazzi - va, in quest’occasione, oltre che ai nostri benefattori, anche a tutto il personale dell’Oculistica per l’impegno quotidianamente profuso e la qualità, umana oltre che professionale, nella relazione con i pazienti”.

“Nell'ottica di una sempre più stretta collaborazione con il territorio della nostra équipe così come dell’intero Ospedale di Oderzo - commenta il primario Stefano Fabris - questa donazione è un’importante testimonianza di come l’ospedale possa crescere grazie, anche, alla generosità delle persone e del territorio. Sento il sincero bisogno di ringraziare sia gli imprenditori che hanno permesso la realizzazione di questa donazione, sia la Sig.ra Bucciol per il tempo e l'impegno profuso”.

“Questa donazione è partita dal presupposto che l’ospedale è fatto anche da noi utenti e che ciascuno deve contribuire a far funzionare bene il nostro ospedale”, ha sottolinea Lionella Bucciol, artefice della cordata che ha effettuato la donazione.

I BENEFATTORI

I soggetti che hanno partecipato alla donazione sono: ATA di Antoniazzi Giuseppe & C. snc, Farmacia Dal Magro, Angelo Favaretto, Flextec srl, Imperial Life srl, Moretto Abbigliamento srl, TMP srl, Verde Chiara sas.

L’ATTIVITA’ DI OCULISTICA

L'Unità Operativa di Oculistica di Oderzo ha evidenziato, negli ultimi anni, un notevole miglioramento sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo. Il numero di interventi è passato dai 794 nel 2015 a 1272 nel 2016 e 1508 nel 2017 (nel primo semestre del 2018 è già stata superata quota 950).

A livello ambulatoriale vengono erogate, annualmente, circa 13000 prestazioni, con particolare attenzione alla fascia pediatrica sia per la parte diagnostica che per quella chirurgica (in particolare per la chirurgia dello strabismo). Da anni è attiva, in ambito pediatrico, una proficua collaborazione tra il personale medico dell'Oculistica di Oderzo e la Patologia Neonatale di Treviso, per la gestione della retinopatia nei bambini prematuri.

E’ stato, inoltre, sviluppato un percorso diagnostico-terapeutico per pazienti affetti da glaucoma, per i quali vengono utilizzate sia le più moderne tecniche chirurgiche microinvasive che quelle tradizionali.

 

Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.942

Anno XXXVII n° 16 / 13 settembre 2018

NATI E ABBANDONATI

Abbandonare gli animali, in Italia, è un reato. Eppure qualcuno ogni giorno lo fa. La storia di Mister Frog e di chi si prende cura di lui e altri mille cani e gatti rimasti senza famiglia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×