21 novembre 2019

Valdobbiadene Pieve di Soligo

SENSOR, C'E' SPERANZA DI SALVEZZA

I vertici aziendali hanno incontrato un potenziale acquirente per discutere la cessione dell'azienda

| commenti | (1) |

| commenti | (1) |

Sernaglia - La crisi economica ha colpito anche la Sensor, ditta di Falzè di Piave che produce materassi e reti per letti. Dopo che le banche hanno tagliato i fidi, l'azienda ha avuto problemi di liquidità e non ha potuto pagare le buste paga di dicembre ai dipendenti, mentre quelle di novembre sono state corrisposte parzialmente.

Dalla fine delle vacanze di Natale trenta operai della Sensor sono a casa: dei loro stipendi di dicembre ancora non sanno nulla e l'azienda non ha ancora dato comunicazioni precise e sicure. I sindacati chiedono che la situazione venga chiarita al più presto.

Oggi pomeriggio alle 15.30 gli operai si riuniranno fuori dall'azienda in assemblea con i rappresentanti sindacali per decidere il da farsi.

Ieri pomeriggio, invece, i vertici aziendali hanno incontrato un potenziale acquirente per discutere la cessione dell'industria e il suo salvataggio.

Intanto la situazione dei lavoratori resta in pericolo: la maggior parte di loro si trova a casa per ferie. Dal momento che non sono ancora giunte lettere ufficiali di messa in mobilità non possono essere avviate le procedure per attivare gli ammortizzatori sociali.

 

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo
Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×