26/06/2019sereno

27/06/2019sereno

28/06/2019quasi sereno

26 giugno 2019

Cronaca

"Persone a bordo pensano al suicidio"

commenti |

Alcune delle 47 persone rimaste a bordo della nave Sea Watcha 15 miglia da Lampedusa, dopo l'evacuazione sanitaria di 18 migranti, tra cui bambini piccoli, hanno inacciato il suicidio. A denunciarlo è il medico di bordo, Carolin, come annuncia l'Ong su Twitter. "Siamo molto preoccupati perché alcune delle persone rimaste a bordo di #SeaWatch parlano di suicidio", si legge. 

Il medico parla di "una condizione psicologica negativa: si sentono privi di valore, come se a nessuno importasse di loro. Una situazione che, assieme al mal di mare e all'assenza di speranza e prospettive sta rendendo le persone davvero vulnerabili". 

"Alcuni di loro dicono di voler auto-infliggere delle ferite o addirittura suicidarsi - denuncia ancora il medico - pur di far finire questa situazione. Dal punto di vista medico la situazione non è affatto buona, stiamo mantenendo un equilibrio molto fragile e precario in questo momento".

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×