25/11/2017pioggia

26/11/2017piovaschi e schiarite

27/11/2017sereno

25 novembre 2017

Politica

Piazza San Carlo, indagata Appendino

commenti |

Un avviso di garanzia è stato notificato alla sindaca di Torino Chiara Appendino, nell’ambito dell’inchiesta per i fatti di piazza San Carlo dello scorso 3 giugno quando, a causa di un attacco panico collettivo, il fuggi fuggi della folla che stava assistendo alla finale di Champions League provocò una vittima e oltre 1.500 feriti.

"Mi è stato notificato dalla Procura di Torino - riferisce la stessa sindaca - un avviso di garanzia per i fatti di piazza San Carlo. Offrirò come sempre la massima collaborazione agli inquirenti, poiché è interesse di tutta la cittadinanza che vengano ricostruiti i fatti e definite le responsabilità di ognuno". ''Non ho nulla da aggiungere" dice la prima cittadina al suo arrivo nella sede della giunta regionale per partecipare all'assemblea della Fondazione del Libro. "Sono a disposizione della magistratura. Risponderò alle domande che mi verranno poste. L'obiettivo è che venga fatta chiarezza su quanto accaduto".

GLI AVVISI DI GARANZIA - Ci sono anche il presidente di Turismo Torino, Maurizio Montagnese, e il dirigente del medesimo ente, Danilo Bessone, tra i destinatari degli avvisi di garanzia inviati dalla procura.

I REATI - La procura ha notificato 20 inviti a comparire ad altrettante persone indagate in ragione delle loro diversificate competenze nell'ambito dell'inchiesta: i reati contestati riguardano omicidio colposo per la morte di Erika Pioletti, deceduta il 15 giugno a seguito delle ferite riportate, lesioni colpose, in danno delle 315 persone che hanno proposto querela, e disastro colposo.

SPATARO - A rendere nota la notifica degli inviti a comparire è una nota della procura in cui il procuratore Armando Spataro sottolinea che "deve essere precisato che gli inviti a comparire emessi sono anche finalizzati ad acquisire le dichiarazioni difensive delle persone che accetteranno di rispondere, così da poter eventualmente compiere conseguenti ulteriori accertamenti, non esclusi i confronti che si rendessero necessari, anche nel loro interesse, sicché non possono in alcun modo essere considerati equivalenti ad atti di promovimento dell’azione penale".

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.924

Anno XXXVI n° 20 / 16 novembre 2017

VIGNETI E FITOFARMACI

“I pesticidi ci stanno uccidendo”. A Cappella Maggiore, due morti e sei malati di tumore in una strada: tra i vigneti e i campi, la malattia dilaga. E i cittadini denunciano

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×