24/03/2017velature sparse

25/03/2017quasi sereno

26/03/2017pioggia debole

24 marzo 2017

Ragazzini intossicati da spritz, in Veneto e Friuli consumo alcol più alto d'Italia

VICENZA - Ragazzini delle medie che arrivano in Pronto soccorso intossicati dai troppi spritz o dalla moda degli "shottini", l'assunzione ripetuta di superalcolici alle feste. Capita sempre più spesso anche nel Veneto, dove il consumo di alcol - insieme al Friuli - è il più alto d'Italia. A che cosa devono prestare attenzione i genitori per capire se il proprio figlio rischia di entrare nel tunnel di una dipendenza? A queste e ad altre domande, risponderà domani, alla Fondazione Zoè a Vicenza il dott. Vincenzo Balestra, psichiatria e direttore del dipartimento Dipendenze della ULSS 6.

 

Nel Veneto, spiega Balestra, il consumo di droghe legali e non legali è in costante trasformazione. Tra i giovani (15 e i 24 anni) le sostanze più consumate sono alcol e cannabinoidi. Tra le ragazze è in forte ascesa anche il consumo del tabacco. "Fino a qualche anno fa - spiega lo psichiatra - le consumatrici erano molte meno dei consumatori. Oggi per alcolici, sigarette e cannabinoidi praticamente non c'è più una differenza di genere".

 

Al servizio territoriale per le dipendenze di Vicenza, si rivolgono ancor oggi persone che hanno soprattutto problemi con l'eroina: "può sembrare un tema chiuso perché non è più presente sui media, ma l'eroina non è per nulla sparita. Registriamo un ritorno sotto forme diverse: abbandonato l'uso delle siringhe e oggi viene soprattutto sniffata o fumata". Accanto a eroina, cocaina e cannabis ci sono poi le nuove droghe, sintetizzate in laboratorio, i cannabinoidi sintetici, la ketamina e ancora gli allucinogeni e il metadone. Alle dipendenze si arriva quasi sempre dopo un passaggio per l'alcol e i cannabinoidi. "È importante - afferma Balestra - che i genitori stiano attenti e capiscano se il consumo è transitorio o di tipo ricreativo, oppure identitario o autoterapeutico".

 



Loading...

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Zaia annuncia la manovra sull'Irpef per la Pedemontana Veneta. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.909

Anno XXXVI n° 5 / 16 marzo 2017

MENINGITE. DOBBIAMO AVERE PAURA?

Perché la meningite non è un incubo. Tanti buoni motivi per non creare un falso allarme. Benazzi: “Il numero dei malati è nella norma”. Il metodo - prevenzione (cioè il vaccino) funziona sempre

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×