21/07/2017quasi sereno

22/07/2017quasi sereno

23/07/2017quasi sereno

21 luglio 2017

Cronaca

Revisione auto 2017, novità e scadenze: tutto quello che c'è da sapere

commenti |

Revisione auto: quali sono le novità per il 2017? Il primo gennaio di quest'anno è entrata in vigore una nuova direttiva europea che richiede una maggiore preparazione per il personale addetto alla revisione auto. "Gli standard elevati dei controlli tecnici - si legge nel testo della direttiva 2014/45/UE - richiedono che il personale che effettua i controlli possieda un livello elevato di capacità e di competenze". "È opportuno quindi introdurre un sistema di formazione che comprenda una formazione iniziale e corsi periodici di aggiornamento o un esame appropriato. Dovrebbe essere definito un periodo transitorio per consentire il passaggio senza difficoltà del personale attuale addetto ai controlli a un regime di formazione periodico o di esame", recita il provvedimento.

"Al fine di assicurare standard elevati in materia di formazione, competenze e controllo, agli Stati membri - prosegue la direttiva - dovrebbe essere consentito di prescrivere competenze supplementari e corrispondenti requisiti in materia di formazione". Nell'ambito della discussione sulla legge di bilancio 2017, la commissione Bilancio della Camera dei deputati ha bocciato l'emendamento presentato dal parlamentare del Pd Francesco Ribaudo, secondo il quale "gli uffici competenti del Dipartimento per i trasporti terrestri e le imprese autorizzate dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti [...] prima di effettuare la revisione ai veicoli soggetti alla revisione obbligatoria" avrebbero dovuto "verificare l'avvenuto pagamento, dell'anno in corso e degli anni precedenti, della tassa di proprietà, della tassa di circolazione e della situazione di fermo amministrativo". Al momento della revisione, dunque, non si controllerà il bollo auto .

REVISIONE AUTO: QUELLO CHE C'E' DA SAPERE

Come ricorda il portale dell'Automobilista, la prima revisione auto "deve essere sostenuta 4 anni dopo la prima immatricolazione. Le successive revisioni devono essere effettuate con cadenza biennale".

Tali scadenze riguardano "autovetture, autocaravan, autoveicoli per trasporto promiscuo, autoveicoli adibiti al trasporto di cose o ad uso speciale e di massa complessiva non superiore ai 3.500 Kg". Dal 2003 queste scadenze si applicano anche per motoveicoli e ciclomotori.

La revisione è annuale, invece, "per i veicoli destinati al trasporto di persone con numero di posti superiore a nove, per le autovetture adibite al servizio taxi, noleggio con conducente, per gli autoveicoli utilizzati per il trasporto di cose ad uso speciale di massa complessiva a pieno carico superiore a 3.500 Kg, i rimorchi e gli autocaravan di peso complessivo superiore ai 3.500 Kg, gli autobus, le autoambulanze e i veicoli atipici (ad esempio, le auto elettriche leggere da città)".

Per effettuare la revisione presso un ufficio della Motorizzazione Civile - ricorda sempre il portale - occorre: - "presentare domanda su apposito modello TT 2100, reperibile presso gli uffici della Motorizzazione Civile e disponibile online; - allegare attestazione di versamento di 45,00 euro sul c.c.p. 9001 intestato al Dipartimento Trasporti Terrestri; - prenotare la visita e prova del veicolo; - presentare la carta di circolazione del veicolo". Per effettuare la revisione presso un'officina autorizzata basta invece recarsi in una delle officine indicate dalla Provincia.

 

Commenta questo articolo


Loading...
vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.917

Anno XXXVI n° 13 / Giovedì 6 luglio 2017

LICENZIATO!

La spy-story (con drammatico finale) di Augustin Breda. Ex operaio Electrolux

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×