20/06/2018quasi sereno

21/06/2018quasi sereno

22/06/2018possibile temporale

20 giugno 2018

Calcio

Scontri durante Vicenza-Padova, fermato ultras di Oderzo

Quindici sono di Padova, uno di loro abita nella cittadina trevigiana. Inoltre la Digos di Vicenza e Padova ha indagato altre tre persone

Calcio

lo stadio Menti di Vicenza

ODERZO - Sono sedici le perquisizioni effettuate a carico di altrettanti ultras del Padova, resisi responsabili di vari reati in occasione del derby del 27 gennaio scorso allo stadio Menti (nella foto).

Quindici di loro sono residenti a Padova e provincia, mentre uno di loro abita ad Oderzo. Oltre ai 16 destinatari delle perquisizioni, la Digos di Vicenza e Padova ha indagato altre 3 persone, che erano già state riconosciute nell'imminenza dei fatti, mentre un altro, era stato bloccato e portato in Questura.

Ad oggi gli indagati sono 20: tra loro c'è anche una donna di 40 anni, residente nella città del Santo. La posizione più delicata riguarda un tifoso, di 40 anni, insegnante di arti marziali, che deve rispondere anche di lesioni personali per aver ferito in maniera seria un dirigente della Polizia di Vicenza, colpito con un violento calcio alla schiena che gli ha procurato l'infrazione di alcune costole e altre contusioni. Negli incidenti erano rimasti feriti altri tre agenti.

Per tutti i 20 ultras il questore di Vicenza, Giuseppe Petronzi, ha avviato le procedure per l'applicazione del Daspo: dodici di loro, già in passato resosi responsabili di vicende simili, rischiano il massimo della pena, sino a 8 anni di Daspo con obbligo di firma. Nelle perquisizioni è stata sequestrato materiale vario, tra cui, una bandiera nazista (rossa con svastica nera al centro), una biografia di Eric Priebke, un coltello a serramanico, una mazza da baseball, un manganello telescopico, un tirapugni e fumogeni da stadio. Al termine dell'incontro, nelle fasi di deflusso della tifoseria ospite, sugli spalti del settore occupato dai padovani, veniva esposto un cartello di cartoncino dai contenuti antisemiti.

Nei filmati visionati, si è visto, tra l'altro, un ultra padovano che, dopo essersi coperto il volto, ha sistemato, sotto una pezza con la scritta "Loreggia", precedentemente affissa nella gradinata nord, il cartello con la dicitura "Se questo è un uomo", accompagnata dal disegno di un uomo con la maglia del Vicenza Calcio che mangia un gatto. L'espressione usata nel cartello, per l'evidente richiamo al romanzo di Primo Levi, fatto peraltro avvenuto il 27 gennaio, nel "Giorno della Memoria", è stato interpretato come provocazione alla tifoseria vicentina attraverso il malcelato e grave riferimento alle vittime dell'Olocausto.

 

Altri Eventi nella categoria Calcio

il pugno incriminato
il pugno incriminato

Calcio

Ieri il giudice sportivo si è pronunciato sull'episodio avvenuto a termine della finale provinciale Allievi di Montebelluna tra Treviso e Portomansuè

Pugno all'avversario, squalifica per sei mesi

MANSUÈ - Sei mesi di squalifica per il portiere delle giovanili del Portomansuè che colpì con un pugno domenica scorsa un avversario del Treviso.

Alessandro Lunian
Alessandro Lunian

Calcio

Si chiude dopo 14 anni la collaborazione con lo storico direttore sportivo della società di calcio con sede a Mogliano

Lunian lascia l'Union Pro

MOGLIANO - Alessandro Lunian lascia la direzione sportiva della Union Pro. Lo ha annunciato informando i suoi collaboratori con una lunga e toccante lettera. Lascia, nonostante fosse stato chiamato a far parte della nuova società.

Commenta questo articolo


Le società Sportive

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.938

Anno XXXVII n° 12 / 21 giugno 2018

SULLA MIA PELLE

Il tatuaggio: una moda vecchia 5300 anni

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×