18/08/2018sereno con veli

19/08/2018sereno con veli

20/08/2018sereno

18 agosto 2018

Esteri

"Sono positiva all'Hiv", Conchita Wurst si confessa

commenti |

L'artista e cantante austriaca Conchita Wurst rivela con un lungo post su Instagram di essere positiva all'Hiv da molti anni. La Wurst, al secolo Thomas Neuwirth, che ha vinto quattro anni fa l'Eurovision Song Contest con il brano 'Rise like a Phoenix', spiega che questa 'confessione', che dovrebbe essere irrilevante per il pubblico e i suoi fan, arriva in seguito a una minaccia.

 

"Sono positiva all'Hiv da molti anni - scrive Wurst sul suo profilo Instagram - Una cosa in realtà irrilevante per il pubblico, ma un mio ex ragazzo ha minacciato di rendere pubbliche queste informazioni private e non potrò mai dare a nessuno il diritto di spaventarmi e influenzare la mia vita". Da qui la scelta di liberarsi "dalla spada di Damocle per il resto della mia vita".

 

La ventinovenne cantante drag queen afferma di essersi sottoposta al trattamento da quando le è stata diagnosticata la malattia e di essere quindi sotto il limite di rilevabilità della sieropositività, tanto da non essere in grado di trasmettere il virus. "Spero di dare coraggio agli altri -aggiunge - e di fare un altro passo contro la stigmatizzazione di persone che, attraverso il loro comportamento o quello degli altri, sono state contagiate dall'Hiv".

 

Wurst precisa inoltre di non aver reso pubblica la sua diagnosi sia per risparmiare alla sua famiglia la pubblicità, sia "perché secondo me è un'informazione rilevante solo per le persone con le quali c'è una possibilità concreta di avere contatti sessuali", conclude.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

immagine della news

22/06/2015

Uniti da Instagram

Federico ingaggiato dallo staff di Conchita Wurst per produrre un foulard

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×