25/09/2017parz nuvoloso

26/09/2017sereno

27/09/2017quasi sereno

25 settembre 2017

Montebelluna

Veneto Banca: adesione a transazione supera 50%

Sabato 18 marzo aperte tutte le filiali del gruppo

commenti |

MONTEBELLUNA - Le adesioni all'offerta di transazione proposta da Veneto Banca ai propri azionisti ha superato il 50% del perimetro dei titoli coinvolti e il 60% dei soci interessati. Lo comunica in una nota l'istituto di Montebelluna, ricordando che i soci ad oggi contattati rappresentano circa il 96% delle azioni coinvolte. Sabato prossimo tutte le 365 filiali della banca resteranno aperte solo per l'operatività legata all'offerta di transazione. Il termine per aderire alla proposta transattiva agli azionisti 'azzerati' scade il prossimo 22 marzo.

 

Per quanto riguarda la Popolare di Vicenza le adesioni, secondo indiscrezioni, si attesterebbero attorno al 48% (oltre il 60% considerando anche le manifestazioni di interesse). Le due banche, che ritengono fondamentale il successo dell'operazione per la loro sopravvivenza, hanno fissato una soglia minima di adesione dell'80% per considerare valida la proposta ma si sono riservate la facoltà di rinunciarvi. Domani si riuniranno i Cda delle due banche per fare il punto sull'andamento dell'operazione e per approvare la lettera di risposta alla Bce su come finanziare il fabbisogno di capitale.

Gli istituti veneti, che dovranno rispondere separatamente, intendono fare richiesta di aiuti di Stato, sotto forma di ricapitalizzazione precauzionale, ma chiariranno di ritenere imprescindibile accedervi nell'ambito del progetto di fusione all'esame della vigilanza.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×