22/04/2024pioggia e schiarite

23/04/2024pioggia debole

24/04/2024pioggia debole e schiarite

22 aprile 2024

Conegliano

Conegliano, malcontento tra i commercianti dopo il Villaggio di Natale: “Attrae pubblico, ma non favorisce le vendite”

Presentati questa mattina i risultati del sondaggio di Ascom-Confcommercio Conegliano e Confesercenti Treviso

|

|

ascom conegliano

Il villaggio di Natale finisce ancora sotto i riflettori. Ascom-Confcommercio Conegliano e Confesercenti Treviso hanno infatti proposto un questionario di gradimento ai propri associati e questa mattina hanno presentato i risultati del sondaggio.

Per circa il 40% degli intervistati, il Villaggio di Natale ha portato molta gente “fuori dal centro storico”, così come la chiusura di corso Mazzini alle ore 18 ha influito molto (per molto si intende punteggio tra 8 e 10) per circa il 50% - si legge nella nota diffusa dalle associazioni -. Quanto agli acquisti natalizi, non sono stati favoriti per il 34,6% e solo il 7,4% ha risposto che hanno molto favorito gli acquisti. Schiacciante la quota di operatori, il 69%, che hanno riscontrato la difficoltà da parte del pubblico a raggiungere il punto vendita ed altrettanto alta la fetta, il 67,9% che ha dichiarato la difficoltà di reperimento del parcheggio per l’auto. Quanto ai fatturati del commercio, le fette più consistenti sono comprese nell’intervallo tra stabilità (27,2%) e calo fortissimo (22,2%), poche e frazionate le punte dei rialzi di fatturato”.

“Il settore non alimentare del commercio resta stabile per il 25% ed in fortissimo calo per il 23,2% - si legge ancora -. Parzialmente diversa la tendenza nei bar e pubblici esercizi, che hanno registrato, per il 36% fatturati crescenti, mentre calanti, anche molto, per il 18,2%.

Più netta ed evidente la risposta dei fatturati della ristorazione classica: risulta in calo il 66,7% e crescente il 33,3%”.

Sempre secondo il rapporto presentato dalle associazioni, “per il 65,4% degli intervistati i frequentatori del villaggio non sono anche consumatori, ovvero non spendono nei negozi e nei locali ma sono solo fruitori delle attrattive. Si conferma quindi un successo del Villaggio di Natale inteso come attrattiva, che risulta frequentato, ma un insuccesso rispetto ai riflessi su vendite e andamento del commercio. Tra gli ambulanti che hanno subito lo spostamento, il 63% ha risposto che è andata male, malissimo il 33%, nessuno dichiara che è andata bene. Per il 69% la comunicazione messa in atto dal Comune è stata insufficiente. Infine nessuno ha gradito la nuova ubicazione e addirittura il 40%, a fronte di uno spostamento, valuterebbe l’opportunità di cambiare lavoro”.

“Noi associazioni poniamo questi dati a disposizione dell’amministrazione – dichiara Maurizio Gibin, presidente di Ascom Conegliano -. I dati servono per capire e prevenire nuovi errori che si abbattono sul commercio. Il commercio, lo ricordiamo, “fa città ed è parte integrante” della stessa, quindi riteniamo di avere diritto di esprimerci ed in questo caso lo facciamo con dati concreti. L’auspicio è che per la prossima edizione si riesca ad istituire un tavolo di lavoro congiunto e funzionale nel rispetto degli interessi di tutti, in un’ottica di rivitalizzazione complessiva e non di solo di divertimento”.

 



 

 


| modificato il:

Leggi altre notizie di Conegliano
Leggi altre notizie di Conegliano

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×