29/11/2021poco nuvoloso

30/11/2021sereno

01/12/2021pioviggine e schiarite

29 novembre 2021

Vittorio Veneto

La lotteria degli scontrini? «Colpisce un settore già alla canna del gas».

Michele Paludetti, presidente di Ascom Vittorio Veneto lamenta come i provvedimento anzichè portare benefici, penalizzi il settore

| Claudia Borsoi |

immagine dell'autore

| Claudia Borsoi |

Lotteria scontrini

VITTORIO VENETOLa lotteria degli scontrini? «Colpisce un settore già alla canna del gas». Se in molti si sono già iscritti o lo faranno nei prossimi giorni alla lotteria degli scontrini, che si aprirà l’8 dicembre, il mondo del commercio insorge. Adeguare il registratore di cassa alla lotteria voluta dal governo Conte costerà fino a 300 euro. Lo mette in luce Michele Paludetti, presidente di Ascom Vittorio Veneto.

 

«Tutti in queste ore parlano della lotteria degli scontri: “che bello” si sente dire. C’è però un però. Come commerciante non ho nulla contro questa iniziativa, ma dovremmo essere esenti di costi per attivarla a favore dei nostri clienti – sottolinea Paludetti -. Quindi, tutte le spese di aggiornamento dei registratori di cassa nuovissimi, installati obbligatoriamente in questo 2020, con il sistema XML7 dovrebbero essere addebitati allo Stato. Il costo per ogni commerciante – entra nel merito il presidente di Ascom Vittorio Veneto che rivela il rovescio della medaglia – è di 190 euro più Iva. Aggiungiamo il lettore di bar code da 90 euro più Iva e sono così 280 euro più Iva che lo Stato ci fa spendere in questo periodo di difficoltà per tutti».

 

«Ovvio che così ci incattiviamo» sottolinea Paludetti a nome anche di molti sui associati. Tutto ciò tenuto conto che già un negozio, che offre un servizio di pagamento con bancomat o carte di credito, affronta mensilmente una spesa di diverse centinaia di euro tra canone di noleggio del dispositivo per i pagamenti e commissioni bancarie sui pagamenti fatti.

 

«L’iniziativa della lotteria degli scontrini – conclude Paludetti – evidenzia inoltre una disparità: chi non ha il bancomat o non ha la possibilità di spendere fino al tetto minimo, non avrà alcun ristoro».

 


| modificato il:

foto dell'autore

Claudia Borsoi

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×