15 ottobre 2021

Castelfranco

"Mi chiedo come si possa soppravvivere a tanto dolore"

L'attore Gianluca Mancuso e il suo lavoro per la Giornata della Memoria

| Maria Elena Tonin |

immagine dell'autore

| Maria Elena Tonin |

Gianluca Mancuso

CASTELFRANCO VENETO -  Fare memoria è trovare vicinanza tra il passato e la vita di tutti i giorni: i video realizzati da Gianluca Mancuso e l'associazione Due Mulini di Castelfranco Veneto, nel lock down di marzo, vegono portati nella giornata di oggi nelle scuole, per raccontare l'esperienza dei campi di concentramento ai ragazzi di alcune scuole medie e superiori della città e diventano un augurio per la ripresa delle attività culturali. A marzo, Mancuso, attore semi professionista di Castelfranco, partiva dalle emozioni di Anna Frank per avvicinare i giovanissimi a temi non facili come la prigionia e l'essere rinchiusi in spazi angusti.

La giornata della Memoria di oggi, conclude invece un ciclo di video che basati sulla testimonianza di Enrico Vanzini, 98 anni, ultimo italiano appartenente al Sonderkommando ancora vivente, che compare nel terzo video per un saluto: "Veri e propri racconti che sono diventati più lunghi e intensi, man mano che ci si avvicinava alla giornata di oggi" racconta Mancuso "Mi chiedo come si possa soppravvivere a tanto dolore, ad una sofferenza così palese, gratuita e ingiusta. Una sofferenza portata all'esasperazione, dove sei inerme ed impotente. Dovunque tu ti volti, solo fame, pidocchi, odori insopportabili e assenza di Dio."

"L'uomo non sembra imparare dai propri errori: come dice una canzone di Bertoli che abbiamo usato, l'uomo ha infangato i piaeti e il sole e i dani vengono chiamati errori. E' brutto da dire, ma sembra che tutto il sacrificio e il dolore passato, non abbiano lasciato impronte. La rinascita dei gruppi neonazisti e le folate di razzismo che si respirano, abbattono la speranza: eppure è proprio per questo che ha senso fare oggi Memoria."

Gianluca Mancuso, classe 1973, conosciuto nella provincia di Treviso per i suoi corsi di dizione e le presentazioni, ha iniziato a calcare le scene 25 anni fà, raggiungendo l'esperienza di attore professionista con la compagna Essemble Vicenza.

Diplomato all'Accademia d'arte drammatica Palcoscenico, del Teatro Verdi di Padova e Teatro stabile del Veneto, ricorda con gratitudine il suo maestro, Alberto Terrani, mancato due settimane fa: "Grazie a lui ho imparato la commedia dell'arte, che all'estero racconta molto l'Italia e per un attore è una vera e propria palestra: l'uso della parola e della battuta con consapevolezza, incanalare il pensiero, senza perdere il ritmo e anche il nostro ultimo incontro, mi ha fatto capire di non aver perso l'orizzonte."

 

https://www.facebook.com/quartiere.risorgimento/videos/4939879826083267

 

 

 


| modificato il:

foto dell'autore

Maria Elena Tonin

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×