18/04/2024pioggia e schiarite

19/04/2024poco nuvoloso

20/04/2024poco nuvoloso

18 aprile 2024

Valdobbiadene Pieve di Soligo

Tre osterie trevigiane tra le migliori d’Italia: ecco quali sono

La cucina più autentica e di qualità segnalata nella nuova guida di Slow Food

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

osteria La muda

CISON DI VALMARINO - Cucina autentica e di qualità. Sono queste le caratteristiche delle 1.750 osterie segnalate nella guida del mangiarbere all’italiana di Slow Food "Osterie d’Italia 2024”, giunta alla 34esima edizione. La guida racconta i locali per la cucina territoriale, la selezione degli ingredienti e l’accoglienza genuina grazie a osti e ostesse, vero presidio del patrimonio gastronomico del nostro Paese.
Tra questi, sono 311 i locali premiati con la Chiocciola, ovvero il massimo riconoscimento assegnato alle insegne che si contraddistinguono per l’eccellente proposta e per l’ambiente, la cucina e l’accoglienza in sintonia con i valori di Slow Food.

In Provincia di Treviso tre le attività storiche che hanno ricevuto il massimo riconoscimento e sono: La Muda di San Boldo a Cison di Valmarino, situata nel suggestivo Passo San Boldo, è l'osteria più antica del Veneto, risalente al 1428; l’antica osteria Al Forno di Refrontolo che rappresenta un connubio perfetto tra la cultura della pianura e quella montana e l’osteria Pironetomosca di Treville a Castelfranco Veneto, luogo ideale dove riscoprire una rinnovata cucina tipica locale. In totale sono 19 le osterie del Veneto che hanno ricevuto la Chiocciola.

 

In foto osteria La Muda


Iscriviti alla Newsletter di OggiTreviso. E' Gratis

Ogni mattina le notizie dalla tua città, dalla regione, dall'Italia e dal mondo


 

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo
Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×