06/12/2022nebbia a banchi

07/12/2022velature lievi

08/12/2022nubi sparse

06 dicembre 2022

Treviso

Vittime di violenza, nella Marca una richiesta di aiuto ogni due giorni

Boom di chiamate al 1522. In piazza Indipendenza flash mob per dire "basta" a qualsiasi forma di violenza

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

 flash mob Treviso

TREVISO - In provincia di Treviso una donna vittima di violenza, ogni due giorni, ha chiamato il 1522 per chiedere aiuto. Nel 2021 sono state 182 le chiamate al centro antiviolenza e stalking, l 15% delle richieste di aiuto in Veneto. Numeri preoccupanti che posizionano la Marca al quarto posto in Veneto per numero di telefonate. I dati raccolti dall’osservatorio sulla parità di genere nelle provincie di Belluno e Treviso redatto da Cisl insieme a Fondazione Corazzin nella giornata contro la violenza sulle donne sono allarmanti. Preoccupante la crescita nel 2020 e 2021, anno che ha visto raddoppiare i numeri rispetto ai dodici mesi precedenti. E non va meglio nel 2022: le chiamate registrate nei primi tre mesi di quest’anno sono state 40. Una donna su due si è rivolta al centro antiviolenza perché ha subito violenza di tipo fisico, una su tre per quella psicologica, ma ci sono anche casi di minacce, violenza economica e mobbing.

La maggior parte delle donne che hanno chiesto aiuto hanno tra i 35e i 44anni, anche se ci sono diverse segnalazioni tra i 45 e i 54 anni e tra le più giovani, nella fascia 25-34 anni. Si tratta di donne dalle diverse situazioni familiari: nubili, sposate o conviventi, solo il 10% separate o divorziate, ma quello che emerge è che c’è una correlazione tra le violenze sulle donne e il tasso di occupazione maschile: nel 2020 e nel 2021 crolla l’occupazione maschile e contestualmente cresce il numero di richieste di aiuto.

“La violenza di genere è una piaga a livello mondiale - dichiara Alessia Salvador, responsabile del Coordinamento Donne e per le Politiche di genere e le Pari opportunità della Cisl Belluno Treviso - e la Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite rappresenta una data importante, che ricorda a tutti che il rispetto è alla base di ogni rapporto e che non è accettabile la crescita costante del numero di donne che subiscono violenza, violenza che ha molti, troppi, volti: psicologica, fisica, economica, sessuale, lo stalking e le molestie, e infine la forma più subdola, ovvero tutte quelle limitazioni che non permettono l’emancipazione e l’indipendenza economica delle donne”.

Ieri in piazza Indipendenza i sindacati Cgil, Cisl e Uil di Treviso hanno dato vita ad un flash mob durante il quale sono stati liberati in cielo dei palloncini rossi per ribadire con forza il proprio ripudio a qualsiasi forma di violenza di genere. Per sensibilizzare la comunità la Provincia di Treviso con la Commissione Provinciale Pari Opportunità e la Consigliera di Parità hanno rilanciato la campagna di comunicazione per il numero anti violenza e Stalking 1522 attivo 24 ore su 24, tutti i giorni dell’anno, accessibile dall’intero territorio nazionale gratuitamente, sia da rete fissa sia mobile, e garantisce il totale rispetto dell’anonimato di chi effettua la chiamata.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×