17 gennaio 2021

Treviso

Bar e ristoranti trevigiani aprono simbolicamente per protesta, Irone: “Non si accendano micce”

La preoccupazione del segretario generale della categoria del commercio della Cgil trevigiana

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

Alberto Irone

TREVISO - “Respiriamo già tutta la pesantezza della tensione sociale, manifestare il dissenso e le proprie posizioni è un diritto fondamentale, cerchiamo solo di non accendere micce che non sappiamo a quale deflagrazione potrebbero condurre”.

Alberto Irone, segretario generale della Filcams Cgil trevigiana Alberto Irone, esprime preoccupazione dopo l’annuncio del flash mob organizzato per venerdì prossimo da “Veneto Imprese Unite”, l’associazione che raggruppa i ristoratori.

Per venerdì a Treviso, ma anche in tante altre città italiane, i ristoratori che parteciperanno alla protesta simuleranno un’apertura serale, tra le 20 e le 22 con luci e musica accesa, sala allestita e titolari e dipendenti a simulare clienti: tutti rispettando distanziamento e senza somministrazione, per dimostrare che il virus non ha orario e ribadire che “un locale sicuro a pranzo lo è anche a cena”.

Irone sottolinea il "sacrosanto e legittimo diritto di protestare contro quelle scelte governative regionali o nazionali che crediamo lesive di diritti, ma con ponderatezza nell’azione di protesta, responsabilità e intransigenza per chi compie comportamenti illegali, e tutti, nessuno escluso, Istituzioni locali comprese, puntino nelle parole e nei fatti alla coesione sociale”. “Se la convinzione unanime è che solo uniti vinceremo sul virus lo si dimostri – conclude Irone – trovando le vie del dialogo e del confronto con le Istituzioni a tutti i livelli e non accendendo micce, le cui imprevedibile esplosioni potrebbero portare danni inimmaginabili al sistema sociale ed economico del nostro territorio”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×