30/11/2021sereno

01/12/2021pioviggine e schiarite

02/12/2021pioggia

30 novembre 2021

Treviso

Da Treviso "sì all'energia rinnovabile senza consumo di suolo agricolo"

Il sindaco e presidente Anci Veneto, Mario Conte, firma la petizione dei Giovani di Coldiretti

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

Mario Conte, Marco De Zotti

TREVISO - I giovani imprenditori agricoli della Marca hanno sposato e rilanciato la petizione nazionale per dire “no” al fotovoltaico a terra a tutela del suolo agricolo e “si” all’energia rinnovabile senza compromettere l’agricoltura.

Nei mesi scorsi la raccolta firme è stata itinerante sul territorio: dai mercati ai punti vendita di Campagna Amica fino ai sindaci. Oggi anche il sindaco di Treviso e presidente Anci Veneto, Mario Conte, ha sottoscritto la petizione.

“L’iniziativa che ha carattere nazionale prende spunto da quella regionale – spiega il delegato degli under 30 di Coldiretti Treviso, Marco de Zotti – per chiedere strumenti legislativi che individuino le zone idonee ad accogliere i pannelli solari come le aree dismesse, le strutture non più utilizzate, i tetti, le cave non più usate. Si tratta della tutela del territorio – aggiunge De Zotti - per bloccare lo scempio di terre fertili sottratte agli agricoltori”. “Ci rivolgiamo alle istituzioni affinché si investa nelle fonti rinnovabili tenendo conto del ruolo fondamentale dell’agricoltura nella produzione di beni e servizi a favore della collettività. Senza una programmazione territoriale degli impianti fotovoltaici a terra tutto questo verrebbe compromesso. Il consumo di suolo agricolo destinato al fotovoltaico a terra minaccia il futuro alle nuove generazioni di agricoltori".

"Da imprenditore agricolo e da rappresentante dei giovani trevigiani che vogliono fare agricoltura, lavorare la campagna, allevare animali, curare l’ambiente, non posso permettere che il suolo vocato all’agricoltura venga utilizzato in altro modo e tolto ai contadini. Noi giovani agricoltori vogliamo essere protagonisti di progetti di sviluppo sostenibili per la gente e per i nostri territori, non corresponsabili del consumo del suolo e della distruzione della bellezza”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×