13/06/2024pioggia e schiarite

14/06/2024velature sparse

15/06/2024poco nuvoloso

13 giugno 2024

Mogliano

Inceneritori? No grazie

Votata in consiglio a Mogliano una mozione ad hoc. Bortolato: «Lo spirito di unione ci ha permesso di bloccare l’inceneritore a Bonisiolo»

|

|

Inceneritori? No grazie

MOGLIANO - In Consiglio Comunale è stata presentata e discussa la Mozione “ Si ad un piano nazionale che avvii gli inceneritori esistenti ad una graduale dimissione totale, escludendo nuovi impianti e discariche “.

 

La Mozione è stata approvata all’unanimità. “ La mozione è stata scritta a più mani – ricorda Davide Bortolato (nella foto) Presidente Commissione Speciale Rifiuti-No Inceneritori – dalla Commissione Rifiuti e dall’Assessore all’Ambiente Oscar Mancini. Si chiede al Consiglio Regionale del Veneto di bloccare ogni previsione di nuovi impianti di incenerimento o di riaccensione di impianti esistenti. “,

 

“ Il Consiglio Regionale infatti – aggiunge Bortolato – sta discutendo il nuovo Piano regionale dei rifiuti urbani e speciali. Il Piano è stato oggetto di una serie di osservazioni prodotte dal Comune di Mogliano, capofila di 5 comuni uniti nella lotta agli impianti previsti a Bonisiolo e Silea.:”.

 

“ La Mozione approvata chiede al Governo Renzi di riformulare l’art. 35  dello Sblocca Italia affinchè siano incentivati gli impianti di recupero di materia e non gli inceneritori e che venga fermato il turismo dei rifiuti che oggi possono tranquillamente uscire dai confini della Regione,”.

 

“ Lo spirito di unione – termina Bortolato – che ci ha permesso di bloccare l’inceneritore previsto a Bonisiolo di Mogliano è rimasto inalterato e si sta allargando verso una lotta agli inceneritori a livello regionale e nazionale. Ringrazio i componenti della Commissione e l’Assessore Mancini.”.

 

Gianfranco Vergani

 


| modificato il:

Leggi altre notizie di Mogliano
Leggi altre notizie di Mogliano

Dello stesso argomento

immagine della news

11/09/2022

Mogliano, indetto il bando "caro bollette"

Il sindaco: «L’attuale aumento del costo dell’energia ha messo in difficoltà molte aziende ed enti, ma soprattutto le famiglie più fragili, che sempre più spesso vengono a chiedere aiuti».

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×