25 novembre 2020

Conegliano

San Fior, scoppia la polemica: "Caos coi medici base, lunghe attese per ricette e visite. Chiamati anche i carabinieri"

L'attacco del gruppo consiliare "Vivo San Fior". Il sindaco: "Chiesto incontro urgente con Ulss 2"

| Roberto Silvestrin |

immagine dell'autore

| Roberto Silvestrin |

San Fior, scoppia la polemica:

SAN FIOR - “Da diversi giorni, molti cittadini di San fior lamentano numerose criticità relative al servizio medico e assistenziale dell’Utap del comune”. Inizia così la lettera che il gruppo di minoranza “Vivo San Fior” ha inviato al sindaco Giuseppe Maset e al direttore generale dell’Ulss 2 Francesco Benazzi.

 

“In particolare, si dicono disorientati e arrabbiati per la difficoltà nel riuscire ad ottenere gli appuntamenti per mezzo telefonico, per la fatica a ricevere ricette, anche ripetibili, per farmaci e analisi salvavita, oltre a lunghissimi tempi di attesa per ottenere una visita con il proprio medico curante”, continua il gruppo. Secondo quanto riportato da un consigliere del gruppo, sarebbero stati chiamati anche i Carabinieri, per segnalare la situazione.

 

Il gruppo parla di “situazione insostenibile per i cittadini, in particolare i più fragili e bisognosi”. Il caso è noto al sindaco Maset, che da qualche settimana sta lavorando per rimediare ai disagi. Come ha spiegato il primo cittadino, al centro di medicina integrata di via Mel – che serve anche Godega e in parte Orsago – c’è stato l’avvicendamento di due medici di base su 6, mentre un terzo medico, che aveva un suo ambulatorio, è andato in pensione.

 

Al periodo di transizione, con il necessario passaggio di consegne delle cartelle cliniche, si è aggiunto il caos creato dal Covid-19. Maset ha chiesto un incontro urgente a Benazzi, visto che – come ha detto il sindaco - “il problema si è acuito negli ultimi giorni”. Ma è da circa un mese che il primo cittadino si sta occupando del problema.

 

E intanto il gruppo di “Vivo San Fior” attacca: “Desideriamo segnalare il problema facendoci portavoce delle istanze dei cittadini, ogni giorno più preoccupati, allarmati e adirati. L’auspicio è che le autorità competenti possano prendere una chiara posizione in merito a questi disagi, con l’obiettivo di trovare alternative e opzioni concrete ed efficaci atte alla soluzione definitiva del problema in oggetto”. La lettera del gruppo consigliare è stata mandata anche, per conoscenza, al Governatore Luca Zaia.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Conegliano
Leggi altre notizie di Conegliano

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×