19/05/2024poco nuvoloso

20/05/2024nubi sparse

21/05/2024temporale

19 maggio 2024

Treviso

All'ospedale di Treviso nuovo mammografo 3D di ultima generazione

"La salute della donna tra le nostre priorità, con questa macchina si riducono i tempi per eseguire le biopsie"

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

ospedale di Treviso

TREVISO - Inaugurato oggi all’ospedale di Treviso un nuovo sistema mammografico di ultima generazione in dotazione alla Unità operativa semplice di Radiologia Senologica del Cà Foncello. Il nuovo mammografo Senographe Pristina 3D, è un sistema dotato di tutte le più avanzate caratteristiche per lo studio del seno, sia in ambito di screening che in ambito diagnostico ed è stato progettato con l’obiettivo di garantire alle pazienti il massimo comfort durante l'intero percorso di cura, dalla fase di screening e di diagnosi a quella di pianificazione del trattamento fino al monitoraggio costante. 

L’Ulss 2 lo ha acquisito, nell’ambito della realizzazione degli investimenti di cui alla Missione 6 Salute e in realizzazione del “Piano Regionale in attuazione del Pnrr. Ad inaugurare il nuovo macchinario l’assessore regionale alla sanità Manuela Lanzarin. “La sanità veneta continua a investire senza sosta in strutture, dotazioni tecnologiche e capitale umano. Donne e uomini della sanità veneta stanno dando molto di più dei loro doveri contrattuali e hanno affrontato con dedizione totale la tempesta perfetta causata dal Covid, dalla necessaria sospensione di tanti servizi, dall’inevitabile allungamento delle liste d’attesa. Eppure stiamo registrando addirittura una crescita della produzione delle Aziende Sanitarie. Questi professionisti, a ogni livello – ha concluso – stanno facendo sì che il sistema cresca nonostante le tante difficoltà e a loro va la nostra gratitudine”.
“Un sistema che cresce particolarmente in questa Ulss – ha aggiunto la Lanzarin – con la Cittadella Sanitaria, il Polo Universitario, il Centro Trapianti Allogenico. Oggi si aggiunge questo mammografo ultramoderno, che si inserisce in una rete strategica che parte dalla prevenzione, passa per la diagnosi, prosegue con le cure grazie alle Breast Unit, che in Veneto prendono in carico la donna lungo tutto il percorso, dalla diagnosi all’auspicata guarigione. Prevenzione, diagnosi, cura e follow up sono l’arma più efficace per combattere il tumore al seno. Con questa macchina sarà possibile sottoporre la paziente a un tempo minimo di disagio, pochi secondi, e anche eseguire le biopsie in metà tempo, circa 15 minuti, rispetto a prima”.

Il dispositivo consente di passare dall’acquisizione di immagini in 2D alla modalità 3D senza aumentare la dose di radiazioni, garantendo alla paziente la medesima dose di esposizione dell'esame mammografico 2D standard ovvero la più bassa tra tutti i sistemi approvati dalla FDA. Ciò permette di individuare anche la più piccola lesione o la più piccola calcificazione senza “effetti collaterali” dovuti a una maggiore dose radiante, consentendo di ricostruire i piani dei volumi fino a 0,5 millimetri garantendo la massima risoluzione spaziale.


Iscriviti alla Newsletter di OggiTreviso. E' Gratis

Ogni mattina le notizie dalla tua città, dalla regione, dall'Italia e dal mondo


 

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×