02/12/2021pioggia

03/12/2021poco nuvoloso

04/12/2021velature estese

02 dicembre 2021

Il caso Come mi vorrei

Categoria: Spettacolo - Tags: come mi vorrei, reality show, televisione, belen rodriguez, italia uno

immagine dell'autore

Silvia Albrizio | commenti | (4)

Ho visto il programma “Come mi vorrei” (in onda ogni pomeriggio su Italia Uno) spinta dalle polemiche che, in questi giorni, hanno imperversato un po’ ovunque, tra media e social network, dopo la petizione lanciata da una ragazza padovana su Change.org. Una petizione che ne chiedeva la chiusura, perché “Come mi vorrei” sarebbe un programma sessista e maschilista.

 

Se non avete avuto modo di vedere la trasmissione, ve la descrivo in breve: in ogni puntata una ragazza in crisi con gli uomini chiede consigli a Belen Rodriguez per migliorarsi e imparare i segreti dell’arte del rimorchio. Durante il programma la protagonista viene così trasformata fisicamente con l’aiuto di uno stylist, un parrucchiere e una truccatrice per diventare del tutto simile a una pin up. A ciò si aggiungono le prove a cui Belen sottopone la ragazza, per capire dove il nostro caso umano sbaglia nel relazionarsi con l’altro sesso; o consigli pratici, dal toccarsi le labbra durante un incontro per dimostrare interesse al non parlare troppo perché può irritare l’uomo. Alla fine la nostra si mostra tutta rinnovata ad amici e familiari, finalmente consapevole di dover diventare una soubrette di Mediaset per piacere agli altri.

 

Qui lo stralcio di due puntate:

http://www.video.mediaset.it/video/come_mi_vorrei/clip/451015/l-approccio-di-linda-con-2-ragazzi.html

 

http://www.video.mediaset.it/video/come_mi_vorrei/clip/455293/serena-e-pronta-a-conquistare-il-mondo-.html

 

“Come mi vorrei”  è quindi un programma molto superficiale, molto scontato, molto sciocco. Tuttavia non trovo che chiuderlo sia la strada giusta, per diverse ragioni.

Innanzitutto perché non è l’unico format del genere presente nei nostri palinsesti. “Plain Jain” su MTV è una copia più o meno sputata, ma anche Real Time ha una folta offerta di trasmissioni simili, da “Come tu mi vuoi”, dove i mariti cambiano il guardaroba delle mogli per assoggettarle al look dei loro desideri, a “Dire fare baciare”, in cui delle giovani tamarre vengono trasformate in icone del bon ton, anche in questo caso per renderle appetibili a un pubblico maschile. Insomma, se “Come mi vorrei” dovesse chiudere, allora anche questi programmi dovrebbero in breve esser cancellati dalla nostra tivù.

In secondo luogo, “Come mi vorrei” ha tutte le caratteristiche del reality costruito a tavolino, piuttosto che dell’esempio di tivù verità. La finzione percepita genera così una distanza col pubblico atta a renderlo un prodotto di intrattenimento frivolo, non certo un format divulgativo e di approfondimento psicologico.

 

La nostra società propone di continuo, alle donne, modelli effimeri a cui aspirare per liberarsi dalla normalità di una vita ordinaria, fatta di pigiamoni e tute in pile, agli antipodi della sensualità e dell’eleganza professata da ogni guru dello stile. “Come mi vorrei” è solo l’ennesimo esempio di manipolazione mediatica. Fa dunque parte di un bombardamento talmente incessante da risultare alla fine un programma innocuo, alla luce del volto scelto per presentarlo, dell’emittente in cui va in onda, dei consigli banalotti snocciolati in ogni puntata. È la sua leggerezza a renderlo inoffensivo. D'altronde, a chi interesserebbe una trasmissione dove le donne affrontano il rapporto con gli uomini attraverso una specifica analisi della personalità o tramite un percorso spirituale? La noia.

 

A questo punto è il pubblico che dovrebbe saper interpretare il messaggio di certi programmi, discernendo contenuto e qualità. Convogliando magari la propria attenzione in format differenti. Perché, al di là delle petizioni, l’unica arma per estirpare dai palinsesti tivù questo tipo di trasmissioni è non guardarle. Solo abbassando lo share infatti, a un certo punto gli autori capiranno che tira una nuova aria, una nuova consapevolezza, un vero cambiamento.

 

Ma fino ad allora tutto rimarrà così com’è, con donne disposte a lasciarsi condizionare per affermarsi nella vita e negli affetti. E una televisione che risponde all’occorrenza.



Commenta questo articolo


Mai guardato un fotogramma di 'sta spazzatura o simile (e manco mi sogno dal farlo) ma, da come è descritto sopra , pare tutt'altro che un programma "innocuo" ed "inoffensivo".

Nessuno dei messaggi che entrano nel cervello può essere considerato ininifluente o neutro. Ciò che fa la differenza stà nelle capacità critiche di ciascuno, nel suo bagaglio culturale, nel contesto sociale in cui si vive.
Più precari sono questi fattori e tanto meno "innocui" ed "inoffensivi" saranno i messaggi passivamente assorbiti.

PS: naturalmente questo non implica la condivisione di certe teorie complottiste così diffuse in certi disturbati strati della popolazione...

segnala commento inopportuno

Stufo di scrivere e rispondere alle innumerevoli provocazioni del Dr. Bastanzetti, non posso trattenermi dal sorridere quando parla di "capacità critica, di bagaglio culturale nel contesto sociale in cui è inserito". E' davvero un grande se riesce a farsi paladino di concetti che lui per primo non possiede. Mi domando quale capacità critica intenda, quale bagaglio culturale consideri, visto che quello che spaccia per veritiero è quanto viene quotidianamente propinato dalle stesse emittenti televisive che ci raccontano quelle che lui stesso definisce "sta spazzatura o simile".
Anziché parlare di ogni cosa, senza averne le conoscenze, abbia almeno la decenza di stare zitto qualche volta e di ritirarsi in un silenzio che la possa aiutare a cercare una via migliore, esprimendo concetti meno scontati, in una maniera più corretta e priva di quello inutile spirito polemico ed offensivo.
Suo Felix

segnala commento inopportuno

Scritto rancoroso, violento ed intollerante del marinaio Felix (alias Peter Pan) , forse causato da una alcolemia momentaneamente (?) alterata e sicuramente facilitato dall' autoconcesso privilegio dell' anonimato che, infantilmente, consente qualsiasi sfogo isterico.

Nel merito, confermo quanto espresso con pacatissima razionalità nel mio primo soprastante commento.

segnala commento inopportuno



[IMG]http://i60.tinypic.com/2hf47k4.jpg[/IMG]

- Ma tu impari mai dai tuoi errori o cosa?
- Cosa.


L. Carroll
ph Fernand Fonssagrives

segnala commento inopportuno

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×