03 dicembre 2020

Treviso

La giovane poetessa Claudia Tortora ha fatto tesoro del lockdown scrivendo il suo nuovo libro

"Trenta poesie" per aggrapparsi con fiducia alla vita. Come già nel suo pluripremiato romanzo "La camelia del partigiano"

| Roberto Grigoletto |

immagine dell'autore

| Roberto Grigoletto |

La giovane poetessa Claudia Tortora ha fatto tesoro del lockdown scrivendo il suo nuovo libro

ZERO BRANCO - Trenta poesie nei cento giorni del lockdown, “per liberarmi dalla malinconia di quei giorni inquieti e per provare a conoscermi e a conoscere in profondità”. Claudia Tortora le ha scritte quasi di getto, pubblicandone la raccolta (con la copertina disegnata dalla mamma Laura) che ha presentato l’altro ieri, nell’auditorium “Comisso” di Zero Branco, proprio quando compiva i suoi primi trent’anni. Una poesia per ogni anno della sua vita.

“Pochi versi che racchiudono però una vera e propria filosofia di vita, tutta costruita sulla contrapposizione tra realismo e sogno, peso e leggerezza, binomi inscindibili” – spiega Claudia, laureata in Lettere e diplomata in viola al “Benedetto Marcello” di Venezia. E soprattutto con la febbre della scrittura.

Non solo poesia. E’ già al suo secondo romanzo, “La camelia del partigiano”, con il quale si è aggiudicata il primo posto in ben tre concorsi letterari a Pesaro (2018), Catania (2019) e il “Cibotto” a Rovigo, sempre lo scorso anno. Ascoltando la nonna raccontare della guerra - la Seconda - e incrociando le storie di tanti compaesani di Zero Branco, non ha resistito al richiamo di carta e penna e si è messa a inanellare aneddoti e ricordi, fatti accaduti e altri inventati. Due giovani, un partigiano e una staffetta, i protagonisti. Il loro amore. La scelta necessariamente “di parte”, fatta per passione e dedizione all’altro, agli altri. Perché come recita Claudia in suo verso: “Conterà solo come hai saputo amare”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Roberto Grigoletto

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×