24 ottobre 2020

Castelfranco

Incontri asolani, sei appuntamenti con i grandi delle sette note

Il Festival internazionale della musica da camera tra Lieder, storia musicale veneta e atmosfere viennesi

| Lieta Zanatta |

immagine dell'autore

| Lieta Zanatta |

Incontri asolani, sei appuntamenti con i grandi delle sette note

Gli amanti della musica non possono assolutamente mancare quest'anno la 42^ edizione di Incontri Asolani, il Festival internazionale di musica da camera organizzato da Asolo Musica, che mette in cartellone Beethoven, Schubert, Strauss, Čajkovskij, Tartini, Salieri e Mozart, Chopin, Debussy, Respighi, Berio e Haydn. I grandi della musica saranno interpretati dai migliori musicisti italiani ed internazionali nella suggestiva chiesa di San Gottardo ad Asolo nei sei concerti che si terranno dal 1 al 14 di settembre, tutti alle 20.45.

 

Si inizia martedì primo settembre con “Il mio canto libero” con il tenore inglese Ian Bostridge e la pianista italiana Saskia Giorgini che proporranno dei Lieder di Beethoven e di Schubert.

 

Giovedì 3 settembre il “Souvenir de Florence” di Čajkovskij e il "Sestetto op.85" di Strauss verranno interpretati dal sestetto d'archi che comprende Klaidi Sahatçi e Elisa Spremulli ai violini, Vladimir Mendelssohn e Daniel Formentelli alle viole ed Enrico Dindo e Luigi Puxeddu ai violoncelli.

 

Sabato 5 settembre di scena la storia musicale veneta con "Tartini, la morte e il diavolo" a cura di Sergio Durante, una narrazione dalla voce di Roberto Citran che scandirà le note del violino solista Federico Guglielmo e l'Arte dell'Arco con Diego Cantalupi al liuto, Francesco Galligioni al violoncello e Roberto Loreggian al clavicembalo.

 

Mercoledì 9 settembre il pubblico si ritroverà "Nella Vienna di Beethoven (1)" al Teatro di Porta Carinzia con l'impresario Barbaja, il vecchio Salieri, il famoso Beethoven, l'ancora sconosciuto Schubert e il ricordo di Mozart. Le loro musiche saranno interpretate da un quartetto vocale proveniente dall’Accademia di Osimo, il violoncello di Ettore Pagano e il fortepiano di Alessandro Benigni.

 

Venerdì 11 settembre sarà la volta della pianista veneziana Gloria Campaner che interpreterà “Al chiaro di luna” di Beethoven ma anche il "Notturno" di Respighi, i "Preludi" di Chopin e di Debussy, "Wasserklavier" e "Six encores" di Berio.

 

Lunedì 14 settembre, concerto di chiusura, siamo ancora una volta "Nella Vienna di Beethoven (2)" con il Philharmonic String Quartet, formato dalla giovane generazione di musicisti dei Berliner Philharmoniker, per interpretare tre quartetti di Haydn, Mozart e Beethoven.

 

Biglietti: intero € 25,00, ridotto € 20,00 riservato ai Soci di Asolo Musica e alle persone fino ai 26 anni e oltre i 65 anni.

Biglietto #saltalacoda su www.boxol.it/asolomusica

Parcheggio Coperto Cipressina di Via Fortestruzzo, Asolo

Incontri Asolani, XLII Festival Internazionale di Musica da Camera 2020 è realizzato con il sostegno di MIBACT, Regione Veneto, Comune di Asolo e Parrocchia Di Asolo sostenuto da Gruppo Pro-Gest, Hausbrandt Trieste 1892, Centromarca Banca, Tenuta 2castelli.

 



foto dell'autore

Lieta Zanatta

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×