17 aprile 2021

Oderzo Motta

"La Regione salvi la Stefanel in crisi"

Mozione da parte dei consiglieri Sandonà e Dalla Libera sul momento delicatissimo dell'azienda di Ponte di Piave

|

|

la Stefanel di Ponte di Piave

PONTE DI PIAVE - “La Giunta regionale continui ad attivarsi affinché la ditta Stefanel Spa possa restare operativa a Ponte di Piave e assicurare il posto di lavoro ai suoi dipendenti”.

Lo hanno chiesto in una mozione alla Giunta regionale i consiglieri Pietro Dalla Libera (lista Veneti Uniti) e Luciano Sandonà (Lista Zaia).

“Negli anni ’80 - spiegano - la ditta Stefanel è stata un’azienda di abbigliamento molto fiorente con tre stabilimenti a Ponte di Piave, Levada e Salgareda con circa 600 dipendenti complessivi, e un quarto con 150 lavoratori, era a San Vito al Tagliamento, in provincia di Pordenone, chiuso poi nel 1995. Notevole era, poi, l’indotto.

Nonostante le crisi, l’azienda ha continuato sempre a dare lavoro a tante famiglie dell’Opitergino - mottense e del trevigiano. Oggi il pericolo di chiusura è concreto.

Mentre l’ipotesi di una delocalizzazione potrebbe far perdere il posto di lavoro a parecchi dipendenti. È importante che la ditta Stefanel Spa, nata e sviluppata a Ponte di Piave divenendo un marchio famoso nel mondo, mantenga la sua sede a Ponte di Piave, pienamente”.

Da qui la richiesta: “La Giunta si attivi affinchè l’azienda possa assicurare ancora un posto di lavoro ai propri dipendenti”.

 


| modificato il:

Leggi altre notizie di Oderzo Motta
Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Dello stesso argomento

immagine della news

01/03/2021

Stefanel, concluso oggi il passaggio a OVS

L'azienda: "Siamo da tempo al lavoro sullo sviluppo del nuovo prodotto che si troverà in negozio a partire dall’avvio della futura stagione autunno inverno 2021"

immagine della news

07/01/2021

Stefanel, nelle prossime ore via libera alla cessione

Oggi tavolo di lavoro ministeriale tra Commissario, Regione, sindacati e azienda. L'accordo a OVS prevede il mantenimento di 23 punti vendita sui 27 presenti in Italia e l’assorbimento di 94 lavoratori. Preoccupazione dai sindacati.

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×