02/12/2021pioggia

03/12/2021poco nuvoloso

04/12/2021velature estese

02 dicembre 2021

Come non farsi ingannare dalle etichette. Parte II

Categoria: Scienze e tecnologie - Tags: etichetta, etichette, data di scadenza

immagine dell'autore

Sara Da Dalt | commenti | (2)

È vero che non possono essere immessi sul mercato prodotti scaduti ma, molte volte, mi è capitato di individuarne qualcuno in diversi supermercati. E allora parliamo della data di scadenza.

Avrete sicuramente notato che, essenzialmente, ci sono due modi per riportare la scadenza di un prodotto: “Da consumare preferibilmente entro” e “Da consumarsi entro”, che vengono chiamati in modi diversi.

La prima espressione è il Termine Minimo di Conservazione (TMC), mentre la seconda è la Data di Scadenza (in senso stretto). La differenza tra i due riguarda perlopiù le categorie di prodotti in cui devono essere utilizzate.

Il TMC si usa in alimenti abbastanza stabili, per i quali un’eventuale alterazione non costituisce un pericolo per la salute del consumatore.
Detto in altre parole, anche se supero la scadenza non ci sono problemi. Pensate per esempio a yogurt, biscotti, cracker, grissini, scatolame in genere, ecc.

La data di scadenza in senso stretto, invece, è usata quando il prodotto è facilmente deperibile e, perciò, potrebbe costituire un pericolo per la salute del consumatore.
Ecco, in questo caso bisogna stare più attenti; sono per esempio i prodotti carnei confezionati, i salumi affettati in busta, le creme, le salse, il mascarpone, i latticini (mozzarella, stracchino, robiola, ecc.), ecc.

Cosa fare quando il prodotto è scaduto?
A volte all’idea di mangiarlo lo stesso si ha un pò di paura e, malauguratamente, decidiamo di buttarlo. È vero che ci sono dei casi in cui questo è d’obbligo: se il prodotto puzza, se ha assunto un colore sgradevole, se è pieno di muffa, ecc. non va mangiato.

È altrettanto vero, però, che la data di scadenza lascia sempre un certo margine al consumatore; è indubbio che il prodotto non diventa cattivo dal giorno in cui scatta la scadenza.

Quando allora non c’è pericolo?



Commenta questo articolo


Non c'è pericolo quando il prodotto è ancora buono. Tutto qui. Ho bevuto una birra scaduta da un anno ed era a posto. Tanta merce viene riconfezionata una volta scaduta con una data diversa. Ogni giorno ci sono notizie in questo senso ma alla fine non ci sono state mai notizie di stragi di persone che avevano mangiato prodotti scaduti perché erano ancora in buono stato di conservazione.

segnala commento inopportuno

Esatto. É proprio quello che volevo si capisse. Nel prossimo post farò degli esempi concreti.

segnala commento inopportuno

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×