25 gennaio 2020

Nord-Est

Dalla Lega a Grillo, Maroni:"Devo recuperare questi voti"

"La vivacità dei Veneti serva da stimolo ai Lombardi"

commenti | (1) |

commenti | (1) |

Dalla Lega a Grillo, Maroni:

VENEZIA - Roberto Maroni si dice felice della "vivacità dei ragazzi veneti, perché servirà a stimolare anche noi lombardi e rinvia al mittente l'idea di un congresso veneto della Lega per affrontare la dialettica post elezioni che ha portato all'invio da parte del segretario regionale Flavio Tosi di lettere di richiamo, visto che "c'é già stato un congresso federale che ha deciso tutto". Lo ha detto a margine di un incontro con il governatore veneto Luca Zaia per gettare le basi della macroregione del Nord.

 

Maroni non vuole sentire parlare di 'pace' tra posizioni in contrasto. "La pace - ha spiegato - c'é quando c'é stata una guerra e qui questo non è avvenuto. Si è trattato, così come avvenuto anche in Lombardia, ma con meno eco, di normale dialettica di un partito e non ha provocato nessun imbarazzo. I fermenti, anzi, sono utili per evitare l'appiattimento e per non far venir meno la spinta a continuare le battaglie, una coscienza critica per capire se noi dirigenti stiamo facendo bene o male. Sono quindi felice della vivacità dei ragazzi veneti, perché servirà a stimolare anche noi lombardi. C'é chi chiede un congresso veneto? C'é già stato un consiglio federale che ha deciso tutto".

 

"Noi - ha aggiunto - guardiamo sempre avanti e si aprono prospettive nuove e stimolanti, con sfide importanti: creare il coordinamento delle Regioni del Nord, costruire la Macroregione, dare risposte concrete e vincere le prossime elezioni amministrative. Il richiamo che ho fatto dopo la riconferma a segretario federale é stato proprio questo: per vincere queste sfide, più uniti siamo, meglio è".

 

"Il punto di partenza - ha poi rilevato riguardo alle mosse future - è che la Lega Nord è immortale e non sparirà. Poi, però, dobbiamo valutare alcune condizioni della realtà che cambia. Ad esempio, Grillo, un anno fa sotto il 3%, oggi è il primo partito e tanti elettori del nord, anche della Lega, lo hanno votato: devo tenerne conto e capire come recuperare questo voto".

 

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×