25 novembre 2020

Ingannàti, fin dai tempi della scuola

Categoria: Istruzione -

immagine dell'autore

Francesca Salvador | commenti | (25)

 

Venerdì 13 giugno sarà nostro ospite per il consueto appuntamento mensile l'Ing. Alberto Medici, autore dell'esaustivo libro "Ingannàti, fin dai tempi della scuola"

 

"Le numerose bugie e gli imbrogli cui siamo sottoposti non sono eventi isolati e a sé stanti, ma fanno parte di un disegno unico, teso a rendere l’Uomo in schiavitù.

 

Una schiavitù non fisica, non con catene di ferro, ma una schiavitù alla quale l’Uomo stesso si sottopone ogni volta che, assalito dalla paura (del nemico, della povertà, della crisi, del terrorismo, della malattia, del global warming, ecc.) si attacca a qualcosa, dimenticando la propria origine divina.

 

Non siamo in una prigione dai muri alti.

 

Siamo stati fatti prigionieri in maniera sottile, subconscia, ben architettata.

 

Ma come hanno fatto?

 

Semplice: siamo stati INGANNATI. Fin dai tempi della scuola.

 

Dal primo giorno di scuola ti hanno insegnato a fidarti degli esperti, a non fare domande, a credere a TV e giornali.

 

Credi davvero che.... Credi davvero che...

 

Come uscire da questa prigione?"

 

 

QUI  I DETTAGLI DELL'EVENTO

 

 

.



Commenta questo articolo


Avevo un ottimo rapporto con la mia Maestra delle elementari. La ricordo con affetto e gratitudine.
Erano i tempi in cui ti insegnavano che : la Maestra è come una seconda Mamma. E le mamme non ingannano i figli.

segnala commento inopportuno

"E le mamme non ingannano i figli."

Davvero?

segnala commento inopportuno

Oh Signùr! mica ce l'avrai su anche con le mamme adesso?!

Dopo il complotto delle maestre , anche quello delle mamme; sempre per ingannare i bambini.

Ma che brutto mondo!

segnala commento inopportuno

ehh... già!
il PIERO DEOLA la sa più lunga di un popolo colto di 80 milioni di persone e vorrebbe insegnare ad esso cosa fare.

PIERO DEOLA FOR PRESIDENT !

segnala commento inopportuno

Forse l' Ing. Medici ha subito il trauma di una scuola elementare gestita da una razza aliena, che da millenni sta mettendo in pratica tecniche sofisticate di "intrusione psichica" per soggiogare la razza umana.
Con tutto il rispetto per l' Ing. Medici e la signora Salvador, ma chi sarebbe lo schiavista? Quale "Spectre" del caso vuole ci ha sempre ingannati, e a quale fine? Inoltre, visto l'arco temporale preso in considerazione, si tratta di un organismo immortale? un dio?

segnala commento inopportuno

Il titolo riprende quello di un libro di Camilleri (non Cammilleri del commissario Montalbano) che si intitolava: "Fregati dalla scuola".

Inoltre è innegabile che gli inganni si protraggono da molto tempo, e non sono nè ad opera della scuola, nè tantomeno ad opera delle maestre; infatti è "dai TEMPI della scuola".

Comunque, venite a sentire: la parte più bella di ogni presentazione è sempre quella del dibattito alla fine!

segnala commento inopportuno

Non avevo dubbi sulla provocazione....
Mi rimane però l'interrogativo: chi (o cosa) è l'artefice dell'inganno?

Di sicuro la parte più bella (non sempre per la verità) è il dibattito alla fine della manifestazione. Io però, e credo altri come me, ho bisogno di momenti di riflessione avulsi dal contesto dell'evento, in modo da meglio soppesare o esprimere i miei pensieri, quindi mi trovo bene anche in un dibattito sul blog.

La ringrazio quindi se vorrà postare qualche altra considerazione con la quale confrontarmi.

Per VENERDI' 13 (è un caso, o fa parte dell'ineluttabile destino?) non penso di esserci: con il rispetto dovuto sia al suo lavoro sia all'organizzatrice le "teorie complottiste" non vincono sulla mia pigrizia.

segnala commento inopportuno

La pigrizia, nel caso suo, è rifiuto di fare ciò che comporta una perdita di tempo.
Ed il tempo è il vero tesoro che abbiam da gestire nella nostra esistenza.

PS: Son grande eh? come scrittore di massime?

segnala commento inopportuno

davvero notevole, come può essere definito uno scrittore di massime?
Sarei anche curioso di leggere qualche suo aforisma; spesso chi si diletta con le une riesce piuttosto bene anche con gli altri.

segnala commento inopportuno

Sarei anche curioso...

"Fosse vero che il motore della conoscenza è la curiosità, tutti i Nobel sarebbero donne"

segnala commento inopportuno

se è farina del suo sacco le faccio i miei complimenti. Se non lo è...... è comunque notevole.

segnala commento inopportuno

Come si permette?

IO NON PLAGIO.

IO SONO IO.

segnala commento inopportuno

Io verrei per sganasciarmi con le scie chimiche, parlate anche di quello?

segnala commento inopportuno

Bellissimo: non ti fidare dei giornali, vieni ad un evento pubblicizzato sul giornale.
Il complottismo ormai è una comica.
:-)

segnala commento inopportuno

Quella a accentata nel titolo mi disturba. Premesso che non mi risulta che nella lingua italiana scritta si utilizzino accenti all'interno delle parole (ma potrei sbagliarmi, chiedo soccorso a chi ha dimestichezza con le regole), sembra introdurre la possibilità, nel caso venisse omesso l'accento, di indurre un messaggio subliminale (in parole nel nostro caso, invece che in immagini cui di solito ci si riferisce): ingànnati (da te stesso), fin dai tempi della scuola. Potrebbe essere un codice lessicale di sblocco di un qualche interruttore neuronale con gli effetti devastanti di autoindurre l'inganno addirittura oltre le intenzioni degli esperti, della tv, dei giornali, ..... Un "peccato originale" insito nell'uomo che si manifesta con il semplice click di un interruttore.

segnala commento inopportuno

Era da un po' che non seguivo i post della nota "complottista" Salvador e quello che mi stupisce di più è il fatto che certe persone, di raffinata cultura e sorretti da un profondo spirito scientifico, perdano il loro tempo, a confutare con delle banilissime opinioni personali condite con un umorismo di bassa fattura quanto promosso dalla signora Salvador.
Evidentemente, non sanno come meglio impiegare il loro tempo, il vero tesoro da gestire nella nostra esistenza, ed è un vero peccato tanto per loro quanto per l'umanità intera.

segnala commento inopportuno

Proprio lei cercavo, Mister.
Non le pare che la frequentazione della sua "Palestra della Felicità" stia producendo pessimi effetti sulla mente della Signora Salvador?

Arriva a sostenere che non solo le nostre adorate maestre ma perfino le nostre adoratissime mamme siano in combutta per ingannare i loro bambini, facendoli crescere schiavi della Spectre.

Che visione della realtà angosciante!

segnala commento inopportuno

...e di questi tempi non è facile vendere libri!

segnala commento inopportuno

Francesca, lo sai che ti voglio bene, ma tu non devi scrivere queste cose. Eh... Forse non era tua intenzione, ma di fatto attacchi la scuola pubblica spingendo le famiglie ad iscrivere i loro rampolli dai preti o nelle scuole steineriane. Sui preti, di professione manipolatori delle coscienze, non ho nulla da dire. Restano le Scuole (private) Steineriane. Antroposofiche. 'Na botta di aria fritta da "truffa con raggiro". Rette da 500 euro e donazioni a sostegno della "libertà della ricerca". Un noto personaggio politico locale (***) dichiara nella sua pagina Facebook "Laurea in pedagogia steineriana". In quale Ateneo statale? Quale classe di concorso pubblico? Oppure, detto politico, millanta?

segnala commento inopportuno

Ottimo, Monsignor Marangon!

CHI SPARA SULLA SCUOLA PUBBLICA SPARA SUL FUTURO DELLA NAZIONE

segnala commento inopportuno

Caro Michele, nonostante il mio diploma con 60/60 e la mia laurea con 110 e Lode, vivo con un assegno di povertà erogato dall'INPS. Tu scherzi... ma intraprendere la strada clericale vorrebbe dire vitto e alloggio gratis e uno stipendio di 1.600 euro al mese. E se divento Monsignore, come tu auspichi, sono 1.800 :-) Mio padre mi disse di studiare per farmi una posizione, ma credo che qualche maestra mi abbia ingannato :-) Me lo dissero anche alle Frattocchie, ma nulla. Niente di niente :-)

segnala commento inopportuno

Saresti arrivato alla Porpora. Sicuramente.
Magari anche allo IOR :-)

segnala commento inopportuno

ah ah ah :-) Non è mai troppo tardi e una manzoniana conversione è sempre dietro l'angolo. Mi chiedo se sarei un combattivo Fra' Cristoforo o un timoroso Don Abbondio. Te Michele stai tranquillo che mi ricorderò degli amici, come Mose(è) ci ha insegnato ;-)

segnala commento inopportuno

Come il Cardinal Federico, saresti! il modello di sacerdote che non si chiude nell' ascetismo ma vive in mezzo al mondo per redimerlo.

Che spettacolo i Promessi Sposi!
Ai tempi miei ...ce lo hanno fatto leggere integralmente in classe , nelle ore di italiano.

Che grande scuola pubblica! che tesori nella cultura italiana!

segnala commento inopportuno

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×