03/10/2022nubi sparse

04/10/2022nubi sparse

05/10/2022parz nuvoloso

03 ottobre 2022

Vittorio Veneto

Vittorio Veneto, aumentano le indennità di sindaco e assessori: ecco quanto prenderanno

Si tratta di uno degli effetti introdotti dalla legge di bilancio 2022 (legge dello Stato del 30 dicembre scorso): in questo caso viene introdotto un incremento graduale al 45% nel 2022 e al 68% nel 2023, mentre l’entrata a regime è prevista per il 2024.

| Roberto Silvestrin |

immagine dell'autore

| Roberto Silvestrin |

vittorio veneto indennità

VITTORIO VENETO - Aumentano le indennità di funzione del sindaco, degli assessori e del presidente del consiglio comunale. E' uno degli effetti introdotti dalla legge di bilancio 2022 (legge dello Stato del 30 dicembre scorso): in questo caso viene introdotto un incremento graduale al 45% nel 2022 e al 68% nel 2023, mentre l’entrata a regime è prevista per il 2024. Si tratta quindi di una rideterminazione prevista da una legge nazionale. 

 

“A decorrere dall’anno 2024, l’indennità di funzione dei sindaci metropolitani e dei sindaci dei comuni ubicati nelle regioni a statuto ordinario è parametrata al trattamento economico complessivo dei presidenti delle regioni, come individuato dalla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano - recita la legge legge di bilancio 2022 -. In sede di prima applicazione l’indennità di funzione di cui al comma 583 è adeguata al 45 per cento dell’anno 2022 e al 68 per cento nell’anno 2023 delle misure indicate al medesimo comma 583. A decorrere dall’anno 2022 la predetta indennità può essere altresì corrisposta nelle integrali misure di cui al comma 583 nel rispetto pluriennale dell’equilibrio di bilancio”.

 

E così l’indennità mensile del sindaco Antonio Miatto, pari a 2.872, 53 euro lordi, passa a 3.442,89 per il 2022, a 3.734,41 per il 2023 e a 4.140 per il 2024.

 

Quella del vice sindaco Gianluca Posocco (pari a 1.579 euro lordi al mese) passa a 1.893,60 per il 2022, a 2.053, 93 per il 2023 e a 2.277 per il 2024. Aumentano anche le indennità degli assessori, che passano da 1.292, 64 euro lordi al mese a 1.549,30 per il 2022, a 1.680,48 per il 2023 e a 1.863 per il 2024. L’indennità di Paolo Santantonio, presidente del consiglio comunale, passa da 1.292, 64 euro lordi al mese a 1.549,30 per il 2022, a 1.680,48 per il 2023 e a 1.863 per il 2024.

 

Il comune determina anche di corrispondere, “con il cedolino di luglio 2022, agli amministratori le indennità di funzione arretrate per il periodo dal 1° gennaio al 30 giugno 2022”, si legge nella determinazione del 5 luglio scorso.

 

“Potevamo decidere di incassare tutto subito, ma abbiamo optato per la scalarità - spiega il primo cittadino -. Hanno fatto una sciocchezza quando hanno ridotto il numero di assessori per contrarre le spese: dovevano invece diminuire gli appannaggi e tenere lo stesso numero di assessori. Ora siamo subissati di cose da fare”.

 

Aggiornamento del 28/7 inviato dal presidente del consiglio Paolo Santantonio

"Si precisa che Paolo Santantonio in quanto lavoratore dipendente non in aspettativa percepisce una indennità relativa al ruolo di Presidente del Consiglio Comunale pari ad € 774.65 e non € 1.549,30".

 


| modificato il:

foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×